Lavorare sul futuro della Tanzania secondo l’UNESCO

Lavorare sul futuro della Tanzania secondo l’UNESCO

8 Luglio 2016 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Fra il 23 e il 25 ​​giugno, l’UNESCO ha riunito i responsabili dei siti UNESCO in Tanzania, riconosciuti come Patrimonio Mondiale e Riserve della Biosfera (MAB), i rappresentanti della comunità, i partner privati ​​e le autorità nazionali per un seminario tecnico, con lo scopo di aumentare le capacità di pianificazione e di scrittura di proposte dei progetti dal titolo ‘Sviluppo delle capacità nella pianificazione per Patrimoni & Man and Biosphere Riserve Managers’ organizzato dall’Ufficio UNESCO di Dar es Salaam .

Il seminario si proponeva di implementare le capacità dei partecipanti di collaborare allo sviluppo di proposte per migliorare la gestione, la conservazione e la promozione dei siti del patrimonio naturale e culturale, al fine di aumentare l’impatto economico che questi siti possono avere sulle comunità locali e migliorare la qualità della offerte possono fornire ai visitatori .

Attraverso il workshop, i rappresentanti di Selous Game Reserve, Kondoa Rock Art Site, Parco nazionale del Kilimanjaro, il sito Orientale di Usambara Riserva MAB, il Lago Manyara MAB, così come le autorità governative di livello nazionale e distrettuale, i rappresentanti della comunità, i partner del settore privato – come la Jane Goodall Institute e membri dell’Università di Dar es Salaam.
I partecipanti sono stati anche introdotti alle risorse esistenti UNESCO per promuovere il coinvolgimento della comunità e spingerle a beneficiare del patrimonio naturale e culturale del turismo attraverso la pianificazione sostenibile, la formazione e la pianificazione imprenditoriale e commerciale.

” I Siti MAB e del patrimonio mondiale in Tanzania presentano problematiche urgenti per la conservazione e lo sviluppo, d’altro canto i dirigenti e le comunità a questi siti hanno numerose idee su come soddisfare tali esigenze” – ha detto Zulmira Rodrigues, Capo dell’Ufficio UNESCO di Dar es Salaam. – “Questo workshop ha dato loro l’opportunità di approfondire le proprie conoscenze e accrescere le proprie competenze nella individuazione di obiettivi prioritari e le modalità possibili per raggiungerli”.

Fonte: http://whc.unesco.org/