Firmata la Dichiarazione di Muscat sul turismo culturale in Oman

Firmata la Dichiarazione di Muscat sul turismo culturale in Oman

15 Dicembre 2017 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

La cultura, in tutte le sue meravigliose espressioni, ispira ogni anno più di 1,2 miliardi di turisti nel chiudere una valigia e attraversare i confini internazionali. Essa è un mezzo importante per promuovere il dialogo interculturale, creare opportunità di lavoro, frenare la migrazione rurale e nutrire il senso di appartenenza tra le comunità residenti. Tuttavia, se non gestito, il fenomeno del turismo culturale può anche danneggiare la stesa cultura della quale si nutre.

Riconoscendo che un approccio sostenibile è fondamentale per il turismo culturale, la costruzione della pace e la tutela del patrimonio, il 12 dicembre è stata stilata la “Dichiarazione di Muscat sul turismo e la cultura: promuovere lo sviluppo sostenibile“. Firmata dai rappresentanti dell’UNESCO, dalla delegazione dell’UNWTO, rappresentanti del settore privato, comunità locali e ONG, la Dichiarazione è stata il documento ufficiale di chiusura della Conferenza mondiale sul turismo e la cultura co-organizzata dall’UNESCO e dall’UNWTO e ospitata dal Sultanato dell’Oman.

Attraverso la Dichiarazione, circa 30 Ministri e Vice Ministri del Turismo e della Cultura e 800 partecipanti provenienti da 70 paesi hanno riaffermato il loro impegno a rafforzare le sinergie tra turismo e cultura e a promuovere il contributo del turismo culturale nell’Agenda 2030 sullo sviluppo sostenibile.
“Il turismo culturale sta crescendo, in popolarità, in importanza e nella diversità che abbraccia innovazione e cambiamento. Tuttavia, con la crescita aumentano la responsabilità, la responsabilità di proteggere i nostri beni culturali e naturali, le fondamenta stesse delle nostre società e delle nostre civiltà “, ha dichiarato il segretario generale della UNWTO, Taleb Rifai.

Francesco Bandarin, Direttore generale aggiunto per la cultura dell’UNESCO, ha sottolineato la necessità di creare una dinamica positiva tra cultura e turismo “che promuova la sostenibilità e al tempo stesso crei benefici per le comunità locali. Questa dinamica deve contribuire a città sicure e sostenibili, lavoro dignitoso, riduzione delle disuguaglianze, alla preservazione dell’ambiente naturale, alla promozione dell’uguaglianza di genere e alla costruzione di società pacifiche e inclusive “.

I ministri di Cambogia, Libia, Somalia, Iraq e Vietnam hanno discusso il ruolo del turismo culturale come fattore di pace e prosperità e hanno condiviso opinioni sulla capacità del turismo di sostenere la ripresa dei loro paesi.

La Dichiarazione richiede politiche di turismo culturale che non solo valorizzino le comunità locali, ma impieghino anche modelli turistici nuovi e innovativi, che promuovano lo sviluppo sostenibile, l’interazione ospite-ospite e lo scambio culturale. Essa promuove l’integrazione del turismo culturale sostenibile e la protezione del patrimonio nei quadri di sicurezza nazionali, regionali e internazionali. La Dichiarazione fa anche riferimento alla Convenzione dell’UNESCO del 1972 sulla protezione del patrimonio culturale e naturale mondiale e alla Convenzione del 2005 per la protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali in relazione a questi obiettivi.

Ahmed Bin Nasser Al Mahrizi, ministro del turismo del Sultanato dell’Oman, ha sottolineato l’importanza dello scambio di esperienze e idee per raggiungere uno sviluppo turistico sostenibile. I partecipanti hanno inoltre condiviso le best praticies su questioni come l’impegno della comunità, la gestione dei visitatori e l’uso delle risorse del turismo nella conservazione in luoghi così diversi come l’area di conservazione di Ngorongoro in Tanzania, il Ras Al Khaimah negli Emirati Arabi Uniti o il Palazzo di Versailles a Francia.

L’imprenditorialità, le PMI e la protezione delle conoscenze tradizionali sono state considerate compatibili con lo sviluppo del turismo sostenibile, con esempi provenienti dall’India nel settore alberghiero e in altre regioni che sviluppano iniziative alimentari locali. Altri esempi sono stati i progetti della Banca Mondiale che hanno rivitalizzato il patrimonio culturale per lo sviluppo del turismo sostenibile e la partnership di Seabourn Cruise Line con l’UNESCO per sensibilizzare il pubblico sui Patrimonio Mondiale.

Dopo la prima conferenza mondiale UNWTO / UNESCO sul turismo e la cultura in Cambogia nel 2015, questa seconda conferenza faceva parte degli eventi ufficiali dell’Anno internazionale del turismo sostenibile del 2017, così dichiarato dalle Nazioni Unite. Istanbul (Turchia) e Kyoto (Giappone) ospiteranno rispettivamente le edizioni 2018 e 2019.

Fonte: unesco.org