ArcheoJazz, la musica incontra la Storia

ArcheoJazz, la musica incontra la Storia

10 Giugno 2016 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Il Vulcano Solfatara, le Terme imperiali di Nettuno di età adrianea, il Castello aragonese di Baia con il suo Museo archeologico dei Campi Flegrei, lo spettacolare panorama del Monte di Procida e ancora i vicoli suggestivi di Pozzuoli, città tra mare e archeologia tra le più belle della terra flegrea. Sono alcune delle suggestive location che anche quest’anno ospiteranno il Pozzuoli Jazz festival ormai alla VII edizione. Un festival itinerante lungo le strade del paesaggio flegreo che da quest’anno si avvale ufficialmente del sottotitolo di “Festival dei Campi Flegrei” e si presenta con sempre più musica, per tutta la stagione estiva, da giugno ad agosto.

Grandi artisti italiani e internazionali (dall’America, Brasile, Francia, Serbia) suoneranno le loro note ripercorrendo alcune delle più belle pagine della storia del jazz,anzi del’ ArcheoJazz, visto che a margine dei concerti nei siti archeologici, saranno proposti dj set e degustazioni di food and wine associati al territorio.

Si parte il 22 giugno con l’ ORCHESTRA JAZZ PARTHENOPEA di PINO JODICE e GIULIANA SOSCIA. Una delle rare orchestre al mondo con due direttori d’eccezione JODICE e SOSCIA accomunati da una visione universale, maschile e femminile, della composizione orchestrale jazz. GIULIANA SOSCIA è considerata dalla critica una delle migliori fisarmoniciste jazz d’Italia, pianista, compositrice/arrangiatrice e direttore  d’orchestra jazz di grande talento, PINO JODICE è pianista, pluripremiato  compositore/arrangiatore e direttore d’orchestra jazz di fama internazionale. Un palcoscenico unico al mondo, il vulcano Sofatara e un ospite d’eccezione, PAOLO FRESU. Sono le componenti dello straordinario concerto di apertura del Pozzuoli Jazz Festival 2016, che quest’estate  riparte con la prima data del 22 giugno al VULCANO SOLFATARA, ore 21.

Segue alla data di apertura, una tre giorni di musica, il 24, 25 e 26 giugno nello scenario delle imperiali terme adrianee, oggi note come TEMPIO DI NETTUNO. Il 24 giugno apre il quartetto dello straordinario trombettista partenopeo, GIOVANNI AMATO con “Echoes of blu note era” accompagnato da Gianluca Figliolia alla chitarra, Marco Valeri al contrabasso e Leo Corradi alla batteria.  Il 25 si esibirà una giovane componente musicale flegrea e napoletana, il  gruppo degli SWUNK INFUSION preceduti da un momento di DJ set Jazz Archeo@Jazz e ancora il 26 giugno ilMICHELA SABIA QUINTET “With Billie on my mind” con alla voce la brava cantante lucana Michela Sabia, Bruno Montrone al piano, Tommaso Scannapieco al contrabbasso, Pasquale Fiore alla batteria e Sandro Deridda, sax tenore. Il concerto è introdotto dal Lorenzo Vitolo Trio con Lorenzo Vitolo al piano, Antonio Cece alla chitarra, Daniele De Santo al basso e Marco Fazzari alla batteria.

In contemporanea il  25 giugno al CASTELLO DI BAIA, sede di dell’importante Museo Archeologico dei Campi Flegrei e uno dei luoghi tra i  più panoramici del golfo di Pozzuoli, un grande concerto che coniuga avanguardia e tradizione, con MICHEL PORTAL BOJAN Z.  Il primo clarinettista, sassofonista bandoneonista, tra i personaggi in assoluto più originali del jazz europeo, l’altro pianista serbo riconosciuto nel 2005 miglior musicista di jazz europeo.

Il Festival prosegue a luglio con diversi appuntamenti. Il 3 luglio nel centro di Pozzuoli, presso la Cassa Armonica con i suoni e le ballate swing degli Handmade Swing band con “Song Swing”. Mentre  domenica 24 luglio al Tempio di Nettuno è la volta di un trio stellare che vede CYRUS CHESTNUT al  piano, LENNY WHITE alla batteria e il grandissimo BUSTER WILLIAMS al contrabbasso. 

Per concludersi il 13 agosto con l’altro grande evento speciale, il concerto dei chitarristi brasiliani MARCIO RANGEL e NONATO LUIZ, quest’ultimo per la prima volta in Italia, nella meravigliosa Villa Matarese di Monte di Procida.

Il festival, che vedrà come sempre anche tanti appuntamenti nei club della città,  è organizzato dall’Associazione Jazz & Conversation, impegnata da anni a testimoniare il proprio ruolo nella cultura dei Campi Flegrei, attraverso un percorso in cui la musica incontra il territorio, la suggestione dei suoi paesaggi, la sua storia e le sue contraddizioni. La manifestazione è organizzata in collaborazione con l’Azienda autonoma di Cura Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e si avvale del patrocinio morale del Comune di Pozzuoli, del Comune di Bacoli , del Comune di Monte di Procida e  del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, nonché del contributo dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli. 

Fonte: organizzatori