British Petroleum stops exploration and production activities in UNESCO World Heritage sites

British Petroleum stops exploration and production activities in UNESCO World Heritage sites

9 Giugno 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

UNESCO has welcomed the announcement by Bernard Looney, CEO of bp, that the energy giant will refrain from undertaking new oil and gas exploration or production activities within natural, cultural or mixed UNESCO World Heritage sites.
The company has furthermore agreed to consult with UNESCO in case they consider such projects in buffer zones or other areas adjacent to World Heritage sites. bp has also committed to avoid associated activities that could impact the value or integrity of World Heritage properties. 
The commitment follows several years of dialogue between UNESCO and bp and similar undertakings by energy companies, Shell, Total and Tullow.
“With bp’s commitment, another global leader in the oil and gas industry acknowledges that there are places on Earth that should be protected from the impact of extractive activities because of their global significance. World Heritage sites are such places, recognized as unique and of Outstanding Universal Value in line with the World Heritage Convention,” said Mechtild Rössler, Director of UNESCO’s World Heritage Centre. She stressed that the protection of our common heritage is not just a responsibility of governments but of the private sector as well, since it has an important role to play in preserving these sites for future generations.
“We are happy to see that the ‘No-Go Commitment’ is gaining more traction, not only within extractive industries but also in the financial and insurance sector,” Ms Rössler added. “We look forward to discussing further with bp how to implement their commitment and we hope that their decision will inspire other companies to take a similar stand.”
UNESCO and the World Heritage Committee’s Advisory Bodies are engaged in dialogue with other companies with a view to prevailing on them to refrain from exploring or extracting oil, gas and mineral resources within World Heritage properties and ensuring that operations in areas surrounding World Heritage properties do not threaten their integrity. This is part of a wider effort by UNESCO to raise funding and mobilize resources for the preservation of biodiversity and heritage, through stronger partnerships with the private sector, scientific cooperation, and civil society engagement.
UNESCO will shortly announce a new initiative #wetheplanet, aimed at developing this effort globally.

 

L’UNESCO ha accolto con favore l’annuncio di Bernard Looney, CEO di bp, con il quale il gigante dell’energia si impegna ad astenersi dall’intraprendere nuove attività di esplorazione o produzione di petrolio e gas all’interno di siti naturali, culturali o misti dell’UNESCO.
La società ha inoltre concordato di consultare l’UNESCO nel caso in cui considerino tali progetti in zone cuscinetto o altre aree adiacenti ai siti del patrimonio mondiale. bp si è anche impegnata a evitare attività associate che potrebbero influire sul valore o sull’integrità delle proprietà del patrimonio mondiale.
L’impegno segue diversi anni di dialogo tra l’UNESCO e la BP e impegni simili da parte delle società energetiche, Shell, Total e Tullow.
“Con l’impegno di bp, un altro leader globale nel settore petrolifero e del gas riconosce che esistono luoghi sulla Terra che dovrebbero essere protetti dall’impatto delle attività estrattive a causa del loro significato globale. I siti del Patrimonio Mondiale sono tali, riconosciuti come unici e di eccezionale valore universale in linea con la Convenzione del Patrimonio Mondiale “, ha dichiarato Mechtild Rössler, direttore del Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO. Ha sottolineato che la protezione del nostro patrimonio comune non è solo una responsabilità dei governi ma anche del settore privato, poiché ha un ruolo importante da svolgere nel preservare questi siti per le generazioni future.
“Siamo lieti di constatare che l ‘” No-Go Commitment “sta guadagnando più trazione, non solo nelle industrie estrattive ma anche nel settore finanziario e assicurativo”, ha aggiunto Rössler. “Non vediamo l’ora di discutere ulteriormente con bp su come attuare il loro impegno e speriamo che la loro decisione ispirerà altre aziende a prendere una posizione simile.”
Gli organismi consultivi dell’UNESCO e del Comitato del Patrimonio Mondiale sono impegnati in un dialogo con altre società al fine di prevalere su di esse per astenersi dall’esplorare o estrarre petrolio, gas e risorse minerarie all’interno delle proprietà del Patrimonio Mondiale e garantire che le operazioni nelle aree circostanti le proprietà del Patrimonio Mondiale non minacciano la loro integrità. Questo fa parte di uno sforzo più ampio dell’UNESCO per raccogliere fondi e mobilitare risorse per la conservazione della biodiversità e del patrimonio, attraverso partenariati più forti con il settore privato, la cooperazione scientifica e l’impegno della società civile.
L’UNESCO annuncerà a breve una nuova iniziativa #wetheplanet, volta a sviluppare questo sforzo a livello globale.

From: UNESCO.org