Home / Categorie / Politiche Culturali / Notizie dal Centro del Patrimonio Mondiale / Candidature per la Lista del Patrimonio Mondiale: dentro Padova Urbs Picta e le Great Spas of Europe

Candidature per la Lista del Patrimonio Mondiale: dentro Padova Urbs Picta e le Great Spas of Europe

Il Consiglio Direttivo della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO che si è riunito oggi ha deliberato che la candidatura per la Lista del Patrimonio Mondiale nel ciclo di valutazione 2019-2020, con esito finale da parte del Comitato del Patrimonio Mondiale a giugno-luglio 2020, sarà quella di “Padova Urbs Picta-Giotto, La Cappella degli Scrovegni e i cicli pittorici del Trecento”. Nello stesso ciclo di valutazione rientra anche la candidatura delle “Great Spas of Europe” che raggruppa, oltre al nostro Paese, Germania, Austria, Francia, Belgio, Regno Unito e Repubblica Ceca, che svolge il ruolo di capofila.
Il Consiglio Direttivo ha altresì stabilito che la candidatura delle “Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene”, che il Comitato del Patrimonio Mondiale nell’agosto del 2018 aveva rinviato allo Stato proponente con alcune raccomandazioni al fine di migliorare il dossier di candidatura, è pronta per essere nuovamente sottoposta alla valutazione del Comitato del Patrimonio Mondiale 2019.
In questo Comitato sarà altresì valutata la candidatura transnazionale delle “Alpi del Mediterraneo” che include l’Italia, come capofila, Francia e Principato di Monaco.
Per quanto riguarda la candidatura degli “Ecosistemi forestali della Sila” per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale come sito naturale, il Consiglio Direttivo ha deciso di soprassedere alla sua presentazione in quanto la candidatura ha ricevuto una valutazione negativa da parte dell’IUCN- International Union for Conservation of Nature, organo di valutazione del Comitato del Patrimonio Mondiale competente per l i siti naturali. Nella sua valutazione l’IUCN ha messo in risalto che l’area inclusa nella candidatura ha già ottenuto nel 2014 il prestigioso riconoscimento di Riserva della Biosfera UNESCO.
Nel corso del Consiglio Direttivo è stato concordato che nel 2019, con il coinvolgimento diretto del Ministero dell’Ambiente, saranno avviate iniziative specifiche dirette alla valorizzazione delle eccellenze del territorio incluso nella Riserva della Biosfera UNESCO.
Il Consiglio Direttivo ha altresì espresso parere positivo all’iscrizione nella Lista propositiva nazionale della candidatura della “Via Francigena in Italia”.

About Direzione Rivista Siti Unesco

Check Also

La “Mission Impossible” di Abu Simbel: come nacque la Convenzione Internazionale per il Patrimonio Mondiale dell’UNESCO

Se ne parla tanto ma come sia nato e perché: vi vogliamo raccontare le ragioni …