Capitale italiana del libro 2021, il bando scade venerdì 16 ottobre

Capitale italiana del libro 2021, il bando scade venerdì 16 ottobre

14 Ottobre 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Scadranno venerdì 16 ottobre i termini per la presentazione della domanda di candidatura da parte dei comuni che intendono partecipare al conferimento del titolo “Capitale italiana del libro 2021”.

Il bando è stato indetto dalla Direzione Generale Biblioteche e Diritto d’Autore del Mibact per favorire progetti, iniziative e attività legate alla promozione del libro e della lettura. Le candidature saranno valutate da una giuria composta da 5 esperti indipendenti di chiara fama nel settore della cultura e dell’editoria. La Città vincitrice riceverà un premio di 500.000 euro.

I Comuni che si candidano al titolo di «Capitale italiana del libro» e che presenteranno l’apposita istanza firmata digitalmente dal Sindaco, dovranno anche allegare ad essa  un dossier di candidatura contenente:

a) il progetto culturale, comprensivo del cronoprogramma delle attività previste, della durata di un anno, nonché il dettaglio degli interventi programmati, che possono prevedere: i) interventi strutturali; ii) quote specificamente destinate all’acquisto di libri per le iniziative di lettura e promozione; iii) quote specificamente destinate alla formazione specifica degli operatori della filiera del libro e delle istituzioni partecipanti al progetto; Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo DIREZIONE GENERALE BIBLIOTECHE E DIRITTO D’AUTORE iv) l’acquisto o il noleggio di attrezzature e supporti informatici.

b) il soggetto o i soggetti incaricati dell’attuazione delle attività comprese nel progetto culturale e del monitoraggio dei risultati;

c) una analisi di sostenibilità economico-finanziaria;

d) gli obiettivi perseguiti, in termini qualitativi e quantitativi, e gli indicatori che verranno utilizzati per la misurazione del loro conseguimento.

Il dossier deve inoltre indicare le iniziative, con particolare riferimento ai “Patti locali per la lettura”, poste in essere dal Comune candidato, nel biennio 2019-2020, ai fini del riconoscimento della qualifica di “Città che legge” da parte del Centro per il libro e la lettura. 

Leggi il bando >>

 

Fonte : MiBACT