Home / Italia Patrimonio Mondiale / I “Percorsi Cosimiani” per conoscere le impronte della storia di Firenze Patrimonio Mondiale

I “Percorsi Cosimiani” per conoscere le impronte della storia di Firenze Patrimonio Mondiale

Il 25 agosto hanno ripreso via i percorsi cosimiani nei luoghi della Toscana, organizzati e promossi da MUS.E e Ufficio UNESCO del Comune di Firenze grazie a UniCoop Firenze. 

“I Percorsi”, organizzati in occasione del cinquecentenario della nascita di Cosimo e Caterina Medici consentiranno di leggere la città e il territorio da un punto di vista spesso inedito e di vivere un’esperienza piacevole nell’intreccio fra storia e contemporaneità.  Cosimo I de’ Medici durante il suo percorso politico ha disegnato in forma indelebile un nuovo assetto architettonico e urbanistico della città di Firenze e dell’intera Toscana: le testimonianze del suo governo e del suo volere sono infatti evidenti e consentono ancora oggi di leggerne significati, premesse, finalità.

A Firenze i percorsi si terranno il 29 settembre, il 27 ottobre e il  24 novembre con due partenze (alle ore 10 e alle ore 11.30) con partenza da Palazzo Medici Riccardi, in via Cavour 1.

La visita, della durata di circa 1 ora e 15 minuti, consente così di ripercorrere, passo dopo passo, i luoghi abitati, frequentati e rinnovati da Cosimo I: l’itinerario prende il via dalla sua casa di famiglia, Palazzo Medici su via Larga, per ampliarsi al “quartiere mediceo” circostante, alle residenze di dignitari e consiglieri, e proseguire con l’Accademia delle Arti del Disegno, la piazza e al palazzo ducale (poi divenuto il palazzo vecchio di piazza), le eleganti architetture delle magistrature e degli “uffizi”, palazzo Pitti, nuova e monumentale reggia medicea.
L’itinerario tratteggia così le principali committente architettoniche e urbanistiche disegnate da Cosimo I, che ancora caratterizzano in modo marcato il centro di Firenze. D’altro canto, fra gli emblemi di Cosimo I figurano due áncore con la scritta latina «duabus», a significare i due fondamenti del suo potere: da una parte l’alleanza con l’Impero, dall’altra la fortificazione dello Stato di Toscana.

Le visite sono gratuite ma è necessario prenotare. Per maggiori informazioni è possibile contattare lo 055-2768224, scrivere a info@muse.comune.fi.it, o visitare il sito 500cosimocaterina.it

Per tutti coloro che vorranno proseguire in autonomia è inoltre disponibile l’applicazione multimediale sui luoghi cosimiani a cura dell’Accademia delle Arti del Disegno, sviluppata da Centrica con il supporto di Fondazione Cassa di Risparmio, scaricabile sui sistemi Android e iOS.

About Direzione Rivista Siti Unesco

Check Also

Montelupone - Anno nazionale del Cibo nei Borghi

Turismo e comunità resilienti: nasce una App per i borghi d’Italia di ANCI-IFEL

L’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale ha partecipato alla presentazione della nuova App “Visitaly”, che si …