DOMANI –  Prevenire è l’unica strada percorribile

DOMANI – Prevenire è l’unica strada percorribile

23 Novembre 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Al centro di ogni evento sismico ci sono due componenti che si trovano ad affrontarne principalmente le conseguenze: le persone che abitano il luogo colpito e il patrimonio dello stesso luogo, fatto di case, chiese, piazze, luoghi della vita della comunità ma anche luoghi privati legati alla memoria personale che costituiscono, sedimentando attraverso le generazioni, la memoria della comunità. Questa diventa un’eredità, che assieme al patrimonio culturale “materiale”, proietta le comunità nel futuro. Quando un evento sismico colpisce un luogo questa proiezione si sfalda, più in fretta e più gravemente dei muri e degli affreschi, portando via con sé parte di quella eredità destinata ai nipoti e ai pronipoti fatta di saperi e storie. 

Che si tratti di beni del patrimonio culturale della lista dell’UNESCO o meno, essi sono esposti all’impatto di eventi catastrofici causati dalla natura quanto dall’uomo, in maniera diretta o indiretta, che possono comprometterne l’integrità, il valore e la stessa esistenza. La perdita di questi beni porta a sua volta impatti negativi sulle comunità locali e nazionali, sia per la loro importanza culturale che per il loro valore socio-economico.  A livello globale, Il terremoto di Kathmandu in Nepal, nell’Aprile del 2015, allo stesso modo dell’incendio che ha distrutto la Cattedrale di Notre Dame a Parigi nell’aprile 2019, sono esemplificativi della vulnerabilità del nostro culturale. 

Il rischio di catastrofi nei siti del patrimonio è in parte dovuta alla loro esposizione a pericoli determinati dall’ambiente naturale e tecnologico (ad esempio aree soggette a terremoti o inondazioni, zone industrializzate, attività umane ecc.). Tuttavia, il rischio di catastrofi non si misura solo nelle potenziali minacce esterne, ma anche attraverso il monitoraggio delle vulnerabilità intrinseche esistenti in un dato sito.

Se da un lato i pericoli naturali sono più difficili da prevedere o controllare, dall’altro, le vulnerabilità possono essere affrontate più facilmente nel tentativo di ridurre il rischio di catastrofi in un dato luogo; questo perché la vulnerabilità è correlata a una ridotta capacità di anticipare, far fronte e rispondere all’impatto di un dato pericolo ed è determinata da fattori che possono essere più facilmente influenzati (es. consapevolezza del rischio, esistenza di adeguate capacità di risposta, fattori ecc.). È quindi molto importante investire nella riduzione dei rischi di catastrofi presso le proprietà del patrimonio mondiale al fine di mitigare il possibile impatto dei principali pericoli su queste preziose risorse.

Studi recenti, inoltre, hanno dimostrato come il patrimonio, sia nella sua forma tangibile che intangibile, non sia semplicemente un’entità passiva di fronte al disastro, ma abbia un notevole potenziale di riduzione dei rischi di disastro in generale. Questo potenziale può essere sfruttato per ridurre le vulnerabilità e quindi gli impatti negativi su vite, cose e mezzi di sussistenza, prima, durante e dopo un evento catastrofico. Il lavorare sulla consapevolezza circa il patrimonio culturale svolge un ruolo cruciale nel promuovere la resilienza, riducendo le vulnerabilità e anche fornendo risorse preziose per lo sviluppo sociale ed economico sostenibile di una regione colpita durante la sua fase di ripresa, attirando investimenti, creando occupazione o fornendo risorse naturali rinnovabili. Questo è il motivo per cui la protezione del patrimonio in caso di catastrofe è di fondamentale importanza.

Ci sono molti modi in cui il patrimonio può aiutare a ridurre l’impatto dei disastri. Ad esempio, la ricerca in aree colpite da attività sismiche ha dimostrato che gli edifici costruiti con tecniche tradizionali si sono dimostrati molto resistenti ai terremoti se ben mantenuti.
Nonostante tutto ciò, molti siti del Patrimonio Mondiale non hanno alcuna politica di gestione del rischio, o piani di gestione validi per la mitigazione e la riduzione dei rischi associati ai disastri. Inoltre, i meccanismi di preparazione e risposta alle catastrofi nazionali e locali esistenti di solito non includono nei loro processi competenze sul patrimonio culturale. Di conseguenza, centinaia di siti sono esposti in modo critico a potenziali pericoli, mentre le comunità in tutto il mondo non stanno sfruttando il pieno potenziale del loro patrimonio, sia tangibile che intangibile, per ridurre il rischio di disastri.

Questo è il motivo per cui il Centro per il patrimonio mondiale dell’UNESCO ha iniziato a lavorare, insieme agli Stati parti della Convenzione sul patrimonio mondiale, agli organi consultivi e ad altri partner, per integrare una considerazione per il patrimonio nelle politiche e nei programmi di RRC e per rafforzare la preparazione per i rischi di catastrofi del Patrimonio mondiale. siti. Le azioni intraprese includono lo sviluppo di una strategia per ridurre i rischi di catastrofi nelle proprietà del patrimonio mondiale, l’organizzazione di seminari tecnici e la pubblicazione di risorse materiali, nonché la fornitura di meccanismi di assistenza internazionale.

Fonte: UNESCO.ORG Leggi di più >> – In lingua Inglese

altre risorse >>