Dopo l’Unesco, agisco!

Dopo l’Unesco, agisco!

14 Marzo 2016 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

L’impegno dei cittadini in prima linea per il mantenimento e l’implementazione dei paesaggi vitivicoli del Piemonte.

Al via la seconda edizione di “Dopo l’Unesco, agisco!” il progetto promosso dalla Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura e al Turismo, rivolto a chi lavora, studia e vive nei 101 Comuni del sito “Paesaggi vitivinicoli del Piemonte: Langhe-Roero e Monferrato”, iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO nel giugno 2014.

Il progetto è un gioco-concorso che mette in competizione squadre capitanate dai Comuni, che coinvolgono cittadini, aziende, associazioni e  scuole.  Ciascuno è chiamato – anche con piccoli gesti individuali – a migliorare il territorio, lo spazio pubblico e gli ambiti privati visibili.
 
L’edizione 2015 di “Dopo l’Unesco, agisco!” ha ottenuto risultati molto soddisfacenti, con una trentina di Comuni coinvolti per un totale di 272 iniziative pubblicate (selezionate dalle 340 pervenute) sul sito Internet www.ioagisco.it.  Sei Comuni hanno dominato la classifica: Grazzano Badoglio, Vignale Monferrato (Al), Cassine (Al), Strevi (Al), La Morra (Cn) e Castagnole delle Lanze.
Nella categoria “accoglienza”, delle cinque individuate e cioè “recupero e valorizzazione, pollice verde settore artistico e pulizia ambientale”, il progetto che ha ottenuto il miglior punteggio e che ha suscitato più interesse sui “social”, con ben 883 condivisioni su facebook è stato Albergo Etico di Asti, “un progetto vivo, che abbina il piacere dell’accoglienza e dell’autonomia per tutti”.
 
Il meccanismo del gioco “Dopo l’Unesco, agisco!” è molto semplice e richiede semplicemente una fotografia prima e una dopo l’intervento accompagnate da una breve descrizione. Come lo scorso anno, la classifica, data da punteggi in modalità on-line, sarà aggiornata in tempo reale.
 
“Da quest’anno si punterà  al coinvolgimento delle scuole – ha richiamato l’Assessore al Turismo Andrea Cerrato – per comprendere l’importanza di appartenere a un territorio bello e da preservare, da coltivare con  attaccamento e senso civico”.
Infatti in questa edizione (marzo-ottobre 2016), l’iniziativa sarà estesa agli oltre 200 istituti scolastici del territorio, con l’obiettivo di sensibilizzare e  realizzare, mediante il coordinamento degli insegnanti, iniziative di tutela e valorizzazione dei luoghi, certi che i ragazzi saranno anche amplificatori del messaggio.
 
“Credo sia positivo – ricorda il Sindaco di Asti Fabrizio Brignolo – dare continuità vera al riconoscimento Unesco con questa iniziativa che va incontro all’esigenza stabile di farci riconoscere anche come una meta turisticamente apprezzabile”.
 
L’edizione 2016 sarà arricchita da un sito Internet rinnovato nella veste grafica e con alcune novità, tra cui la versione in inglese e la possibilità, per i cittadini al di fuori del sito UNESCO, di votare i singoli progetti, contribuendo alla promozione e alla diffusione dei valori dell’iniziativa.
Grande rilievo sarà dato alle azioni virtuali dei partecipanti, i quali potranno interagire con le pagine Social di “Dopo l’UNESCO, Agisco!”: Facebook, Twitter, Youtube e, da quest’anno, Instagram.

Fonte: comuniacazione degli organizzatori