Home / PRIMA PAGINA / Ecosistemi e biodiversità dipendono anche dal “fattore cultura”

Ecosistemi e biodiversità dipendono anche dal “fattore cultura”

Come emerge da un rapporto globale pubblicato un mese fa (leggilo qui >>), gli ecosistemi e la biodiversità del mondo si stanno deteriorando più velocemente che in qualsiasi momento della storia umana, minando il benessere dell’umanità e l’esistenza futura.

Il rapporto di valutazione globale sui servizi per la biodiversità e l’ecosistema, pubblicato dalla piattaforma intergovernativa per la scienza e la politica sui servizi per la biodiversità e l’ecosistema (IPBES) all’inizio di maggio, dimostra chiaramente che il mondo non riesce a raggiungere gli obiettivi che ha fissato attraverso gli obiettivi di Aichi nel quadro della Convenzione sulla diversità biologica (CBD) per rallentare la perdita di biodiversità.

È in questo contesto che le parti della CBD stanno attualmente negoziando il futuro quadro globale sulla biodiversità, che dovrebbe essere adottato alla quindicesima Conferenza delle parti (COP15) della CBD che si terrà a Kunming, in Cina nel novembre 2020. Dopo due decenni di fallimenti per raggiungere gli obiettivi prefissati, è chiaro che “business as usual” non è più un’opzione se vogliamo salvare l’ecosistema per il nostro futuro. In effetti, il rapporto IPBES sollecitava cambiamenti trasformativi per affrontare i driver del cambiamento, tra cui la conversione del territorio, l’eccessivo sfruttamento delle risorse naturali e il cambiamento climatico, richiedendo cambiamenti nei sistemi finanziari ed economici globali per costruire un’economia mondiale sostenibile.

Dal 10 al 12 giugno, la Convenzione sul patrimonio mondiale insieme a tutte e sette le altre convenzioni relative alla biodiversità e le due Convenzioni di Rio sono state al centro di un seminario sulle queste stesse convenzioni relative alla biodiversità sul quadro globale della biodiversità post 2020, tenutosi a Berna in Svizzera.

Nelle sue osservazioni di apertura, Martha Rojas-Urrego, Segretario generale della Convenzione di Ramsar, ha sottolineato che il quadro post 2020 rappresenta un’opportunità unica per affrontare i problemi della biodiversità in modo cooperativo e complementare, riflettendo le priorità e i contributi di tutte le convenzioni relative alla biodiversità . In rappresentanza del Centro del patrimonio mondiale, Guy Debonnet ha proposto di evidenziare ulteriormente il ruolo della cultura nella conservazione della biodiversità.

La Convenzione del patrimonio mondiale riconosce, sin dall’inizio, i collegamenti inestricabili tra patrimonio naturale e culturale. Il Centro del patrimonio mondiale ha anche sottolineato che la discussione sulle aree protette non dovrebbe concentrarsi solo sull’aumento della copertura delle aree protette su terra e mare, ma anche su come aumentare gli investimenti nella gestione delle aree protette esistenti, compresi i siti Patrimonio Mondiale, per migliorare il loro stato conservazione e la loro efficacia per proteggere la biodiversità.

In tre giorni, i partecipanti si sono scambiati opinioni su come le Convenzioni possono contribuire ulteriormente allo sviluppo del quadro globale della biodiversità post-2020, al fine di massimizzare la sua pertinenza e applicabilità comuni come quadro “globale”. I risultati di questo seminario si inseriranno nel lavoro del gruppo di lavoro intersessoriale dedicato, istituito nell’ambito della CBD per sviluppare il Quadro globale per la biodiversità post-2020 e che si incontrerà per la prima volta a Nairobi nell’agosto 2019.

About Direzione Rivista Siti Unesco

Check Also

Urbino: svelata la statua di Raffaello Sanzio restaurata grazie ad Opera Tua. Sinergia fra Associazione, Fondaco e Coop Alleanza

Si è tenuta questa mattina la cerimonia di restituzione del monumento dedicato a Raffaello Sanzio, …