Giornata Internazionale dell’Educazione. UNESCO aggiorna i dati sugli effetti del Covid

Giornata Internazionale dell’Educazione. UNESCO aggiorna i dati sugli effetti del Covid

25 Gennaio 2021 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Come preannunciato, in occasione dell’Internationale Education day 2021, UNESCO ha pubblicato i dati aggiornati sugli effetti della crisi sanitaria causata dalla pandemia Covid19 sull’istruzione nel mondo.

A un anno dall’inizio della pandemia COVID-19, oltre 800 milioni di studenti, più della metà della popolazione studentesca mondiale, devono ancora affrontare interruzioni significative della loro istruzione, che vanno dalla chiusura completa delle scuole in 31 paesi a orari accademici ridotti o part-time in altri 48 paesi.

NAVIGA LA MAPPA >>

La mappa mostra che a livello globale, le scuole sono state completamente chiuse per una media di 3,5 mesi (14 settimane) dall’inizio della pandemia. Questa cifra sale a 5,5 mesi (22 settimane) – equivalenti a due terzi di un anno accademico – se si tiene conto delle chiusure scolastiche localizzate. La durata delle chiusure varia notevolmente da regione a regione, da ben 5 mesi (20 settimane) di chiusure complete a livello nazionale in media in America Latina e nei paesi dei Caraibi, a 2,5 mesi (10 settimane) in Europa e solo un mese in Oceania. Variazioni regionali simili si osservano quando si tiene conto delle chiusure localizzate: la durata delle chiusure complete e localizzate ha superato in media i sette mesi (29 settimane) in America Latina e nei Caraibi rispetto alla media globale di 5,5 mesi (22 settimane). I governi hanno cercato di ridurre al minimo le chiusure a livello nazionale – da 190 paesi al massimo nell’aprile 2020 a 30 paesi adesso – a favore di chiusure parziali e / o locali. Le scuole sono ora completamente aperte in 101 paesi. I dati diffusi oggi dal Global Education Monitoring Report dell’UNESCO mostrano che, anche prima della crisi del COVID-19, solo 1 paese su 5 ha dimostrato un forte impegno per l’equità nell’istruzione attraverso i propri meccanismi di finanziamento e ci sono poche prove di un forte angolo di equità in COVID -19 risposte.

La celebrazione della Giornata internazionale dell’istruzione da parte dell’UNESCO richiede un maggiore e migliore finanziamento dell’istruzione e richiama l’attenzione sulla bassa priorità assegnata all’istruzione negli sforzi di recupero. I dati dell’UNESCO mostrano che il settore riceve solo lo 0,78% stimato dei pacchetti di soccorso in tutto il mondo. Inoltre, gli aiuti all’istruzione dovrebbero diminuire del 12% a causa della pandemia.

Secondo i nostri risultati, la pandemia potrebbe anche aumentare il deficit di finanziamento per l’istruzione di un terzo fino a un massimo di $ 200 miliardi all’anno nei paesi a reddito medio e basso, rappresentando quasi il 40% del costo totale. L’investimento iniziale in programmi di recupero e riparazione consentirà di risparmiare denaro su tutta la linea riducendo del 75% il costo di riparazione dei danni causati da COVID-19. Al Global Education Meeting convocato dall’UNESCO nell’ottobre 2020, i governi e i partner si sono impegnati a proteggere i bilanci dell’istruzione e a concentrare la ripresa sulla riapertura sicura e inclusiva delle scuole e sul sostegno agli insegnanti, lo sviluppo delle competenze e la connettività per tutti. Per consentire un ritorno sicuro a scuola, l’UNESCO ha chiesto che i 100 milioni di insegnanti ed educatori del mondo abbiano la priorità nelle campagne di vaccinazione. Per celebrare la Giornata internazionale dell’istruzione, l’UNESCO e il Partenariato globale per l’istruzione, con la sede delle Nazioni Unite, stanno organizzando un evento per sottolineare la necessità di proteggere e mobilitare finanziamenti equi per l’istruzione, dare voce agli “ eroi della comunità ” che hanno agito per andarsene nessun discente dietro durante la chiusura delle scuole e presenta innovazioni che aprono la strada verso sistemi educativi più resilienti e inclusivi.

Fonte: UNESCO.org