Green pass e mascherine nei luoghi della cultura: le novità dal 1° maggio

Green pass e mascherine nei luoghi della cultura: le novità dal 1° maggio

2 Maggio 2022 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Dal primo maggio, in Italia, sono cambiate le norme che regolano le regole della fruizione dei luoghi della cultura. 

GREEN PASS – Dal primo maggio è scattato l’accesso libero per bar e ristoranti al chiuso, aerei, treni, traghetti e pullman intra-regionali, palestre e piscine al chiuso, feste e cerimonie, convegni e congressi, discoteche e sale da gioco, cinema, teatri, concerti.

VIAGGIARE – Le regole cambiano a seconda dei Paesi di destinazione ma il green pass nella sua forma “base” (vaccinazione, guarigione o tampone negativo) continuerà a essere necessario per l’ingresso nei Paesi dell’Ue. Non solo. Un’ordinanza del ministro della Salute ha prorogato al 31 maggio le misure per chi arriva in Italia o rientra dall’estero: continuerà a bastare anche un tampone oltre che il pass da vaccinazione o guarigione (green pass base).

MUSEI – In negozi, centri commerciali, supermercati, bar e ristoranti al chiuso la mascherina dal 1 maggio non sarà più obbligatoria. Così come in uffici pubblici, banche, poste, musei, discoteche, nonché dal barbiere, dal parrucchiere, dall’estetista. Ma trattandosi di luoghi al chiuso «pubblici» o «aperti al pubblico» l’utilizzo è raccomandato.

CINEMA, TEATRO, STADIO – Le mascherine Ffp2 andranno indossate fino a fine maggio nei cinema, nei teatri e per tutti gli spettacoli al chiuso come i concerti, nonché nei palazzetti dello sport.  

 

Fonte: Sole24ore