Home / Cultura e Culture / Gucci “scatta” agli Scavi di Ercolano ed è subito trend

Gucci “scatta” agli Scavi di Ercolano ed è subito trend

Gli scorci del Parco Archeologico di Ercolano come ambientazione della campagna fotografica di Gucci e del regista e fotografo Harmony Korine per una pubblicazione in edizione limitata.

Dopo le iniziative di restauro e conservazione della Casa che includono collaborazioni con la DIA-Art Foundation di New York City, i Cloisters all’Abbazia di Westminster a Londra, la Galleria Palatina a Palazzo Pitti a Firenze, la Biblioteca Angelica a Roma e la necropoli romana di Les Alyscamps a Arles, questo nuovo progetto insieme alle immagini di Harmony Korine, continua l’impegno di Gucci a sostenere e promuovere il patrimonio culturale in tutto il mondo.

Il Parco Archeologico di Ercolano assieme a quello di Pompei, antiche città romane entrambe dichiarate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, sono stati individuati dal direttore creativo Alessandro Michele che crede fermamente nella funzione essenziale del passato per immaginare e perseguire il futuro, e quindi non può essere dimenticato né trascurato.

“La presenza di Gucci, e dei grandi talenti professionali cui ricorre, consente di mettere in dialogo eccellenze italiane di due settori solo apparentemente sconnessi gli uni dagli altri, ma invece percorsi da uno stesso lunghissimo filo rosso di memoria e tradizioni artigianali- dichiara il Direttore Francesco Sirano- Questa iniziativa avrà effetti benefici non solo contribuendo economicamente a potenziare l’attività di conservazione e valorizzazione del Parco, ma soprattutto aiuterà il sito archeologico di Ercolano ad ampliare gli orizzonti entro i quali viene conosciuto ed apprezzato anche al pubblico che segue attraverso la moda l’impegno di promozione culturale di Gucci.”​

About Direzione Rivista Siti Unesco

Check Also

L’eredità creativa e tecnologica di Leonardo da Vinci raccontata a Parma

In vista delle celebrazioni di Parma Capitale italiana della Cultura 2020, prende il via sotto il segno …