International Hydropower Association si impegna per la protezione dei siti Patrimonio Mondiale

International Hydropower Association si impegna per la protezione dei siti Patrimonio Mondiale

14 Settembre 2021 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

La International Hydropower Association ha annunciato un nuovo impegno per i siti del patrimonio mondiale e le aree protette. E’ stato lo stesso Eddie Rich, CEO dell’International Hydropower Association (IHA) durante un workshop su “No-Go nel Patrimonio Mondiale e in altre aree protette: storie di successo nella valorizzazione del settore privato e sfide rimanenti” presso l’IUCN World Conservation Congresso a Marsiglia in Francia, ha dichiarato che nessun nuovo progetto idroelettrico debba essere sviluppato nei siti Patrimonio dell’Umanità.

Rich ha proposto, inoltre, un “Dovere di impegno di cura“, per implementare elevati standard di prestazioni e trasparenza quando interessano le aree protette, nonché le aree protette candidate e i corridoi tra le aree protette, attraverso un’applicazione sistematica degli strumenti di sostenibilità idroelettrica o la certificazione contro la sostenibilità idroelettrica Standard  L’impegno del dovere di diligenza si applica anche ai progetti idroelettrici, che sono pianificati al di fuori dei siti del Patrimonio Mondiale, ma che potrebbero potenzialmente avere un impatto negativo sui loro valori.

“Il nuovo impegno dell’IHA è un importante passo avanti nell’affrontare il crescente numero di minacce legate agli impatti dei progetti idroelettrici sui siti del patrimonio mondiale”, ha affermato Mechtild Rössler, direttore del Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO. “Il nuovo impegno è in linea con la posizione consolidata del Comitato del Patrimonio Mondiale, che nella sua Decisione 40 COM 7 ha ritenuto che la costruzione di dighe con grandi invasi all’interno dei confini delle proprietà sia incompatibile con il loro status di Patrimonio Mondiale. Non vediamo l’ora di continuare il nostro dialogo con IHA al fine di garantire che, attraverso l’attuazione del “Dovere di impegno”, si possano evitare anche gli impatti dei progetti idroelettrici al di fuori dei siti del patrimonio mondiale, ma situati all’interno dello spartiacque”.

Questa dichiarazione di intenti segue due anni di discussione nell’ambito di un gruppo di lavoro sull’energia idroelettrica e sulle aree protette e in cui sono stati coinvolti il ​​Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO, IUCN, WWF, la Nature Conservancy e vari membri ed esperti dell’IHA. Il nuovo impegno coinvolgerà tutti i membri dell’IHA, che includono i principali sviluppatori, operatori e produttori di energia idroelettrica del mondo, nonché organizzazioni coinvolte nella ricerca, nella politica, nella pianificazione e nel finanziamento. Il documenti ufficiale sarà presentato durante l’International Hydropower Congress, che si svolge dal 7 al 24 settembre 2021.

Fonte: UNESCO.org