Istruzione: un’opportunità per reinventare l’insegnamento

Istruzione: un’opportunità per reinventare l’insegnamento

1 Agosto 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Di Poornima Luthra, Educatrice alla Copenhagen Business School, e fondatrice e capo consulente di TalentED Consultancy ApS, una società di formazione e consulenza con sede a Copenaghen, Danimarca (da: Il Corriere dell’UNESCO • Luglio-Settembre 2020)

 

Con oltre un terzo della popolazione mondiale in qualche forma di blocco a causa di COVID-19, la crisi sanitaria ha causato un’interruzione senza precedenti dell’istruzione. Dall’asilo all’università, le scuole di tutto il mondo sono state temporaneamente chiuse, costringendo gli educatori a trovare metodi di insegnamento alternativi. È probabile che questa situazione lasci un’impronta duratura.

“Sentiremo gli effetti di COVID-19 sugli studenti a livello globale fino a quando un vaccino non sarà ampiamente disponibile, almeno”, afferma Amy Valentine, direttore esecutivo di Future of School, un ente di beneficenza pubblico americano che sostiene la crescita di modelli scolastici innovativi. “Il modo in cui i sistemi e i singoli distretti hanno reagito a questa crisi avrà un effetto a catena sugli studenti che avanzano, pronti o no, a nuovi livelli scolastici.”

L’impatto negativo sulla salute mentale degli studenti che sono lontani dall’interazione sociale e dalle routine fornite dall’ambiente scolastico è di primaria importanza. Anche le generazioni di Z (bambini nati negli anni dal 1996 al 2015) saturi di tecnologia e Alpha (bambini nati dopo il 2015) hanno bramato l’interazione sociale e le esperienze fisiche lontano dai loro dispositivi. Questa è stata forse la più grande sfida per gli educatori di affrontare le piattaforme online. “Il contatto umano è importante quando si tratta di istruzione, in particolare per gli adolescenti”, ha detto un insegnante di liceo a Singapore. “La maggior parte degli studenti preferirebbe sicuramente andare a scuola, per sentirsi inclusi in una comunità, dove c’è più struttura per il loro apprendimento.”

Con i rigorosi requisiti di distanza sociale in atto, probabilmente ci vorrà un po ‘di tempo prima che i livelli di interazione sociale tornino a pre-COVID-19 volte. L’impatto di questo sulle generazioni di studenti di oggi può essere sentito per gli anni a venire. “Una volta che le scuole riapriranno e prevarrà il senso di normalità, il lavoro degli educatori sarà difficile: accelerare gli studenti, colmare le lacune nell’apprendimento e fornire un maggiore supporto sociale ed emotivo agli studenti che lo richiedono”, Sarita Somaya, insegnante elementare in una scuola internazionale di Singapore, ha spiegato.

Per molti bambini in tutto il mondo, le scuole forniscono il loro pasto principale della giornata. Le chiusure hanno costretto questi bambini a cercare opzioni alternative, spesso senza successo. Gayathri Tirthapura, co-fondatore fiduciario del Tejasvita Trust – un’organizzazione con sede a Bangalore, che fornisce istruzione alle comunità meno servite nel sud dell’India – spiega che “le famiglie hanno difficoltà a consumare tre pasti al giorno e dipendono da donatori privati ​​e pacchetti di soccorso annunciato dal governo “.

Diplomi ricevuti dai robot

Eppure, nonostante il triste scenario, le istituzioni educative di tutto il mondo stanno trovando modi creativi e innovativi per affrontare le sfide poste da COVID-19: dal conseguimento di diplomi universitari con avatar robotici in sostituzione di studenti in Giappone, all’utilizzo di cappelli a distanza sociale in Cina . Gli educatori hanno anche dovuto essere creativi sulla progettazione di contenuti per offrire lezioni accademiche in modo coinvolgente attraverso le piattaforme digitali disponibili.

Per ovviare alla mancanza di interazione sociale, in alcune scuole i consulenti hanno creato attività a tema per coinvolgere gli studenti – alcuni educatori hanno persino organizzato picnic virtuali con le loro classi. Nelle scuole rurali, gli insegnanti hanno dovuto pensare a diversi modi per interagire con gli studenti, spesso tramite messaggi di testo ai dispositivi mobili e alle telefonate dei genitori. Laddove i bambini non hanno accesso nemmeno a una matita a casa – per non parlare di un computer – gli insegnanti hanno dovuto pensare in piedi per trovare nuovi modi di insegnare loro.

In paesi tra cui Stati Uniti, Regno Unito e Nuova Zelanda, sono stati compiuti sforzi concertati per garantire che ai bambini svantaggiati vengano forniti laptop, tablet e hotspot mobili. In India, il team di Gurushala, un portale di apprendimento che fornisce istruzione digitale agli insegnanti e contenuti per gli studenti, spiega che “l’accesso all’istruzione non è mai stato facile per i bambini dell’India provenienti da gruppi svantaggiati. Con la penetrazione mobile e su Internet che cresce di giorno in giorno, c’è un riflettore improvviso sulla tecnologia ”.

La fine dell’attività di gruppo?

Cosa significa questa crisi sanitaria per l’istruzione a lungo termine? “Le aule della scuola primaria sono diventate più cliniche: gli studenti non possono condividere, utilizzare risorse condivise o lavorare in confusione, entusiasti di un esperimento scientifico. Spero di sbagliarmi, ma questa sarà la fine del lavoro di gruppo e delle rotazioni? Torneremo in classe con l’insegnante che tiene lezioni frontali e gli studenti seduti tutto il giorno ai loro posti? ” Taryn Hansen, un insegnante di scuola elementare a Perth, nell’Australia occidentale, dove le scuole sono state riaperte a fine aprile, si chiedeva.

Sankalp Chaturvedi, professore associato presso l’Imperial College Business School di Londra, ritiene che “a lungo termine, l’istruzione superiore verrà ancora svolta nelle classi. Le persone saranno più a loro agio con l’educazione online come un’alternativa, che non era così evidente o efficace prima del blocco. “

“C’è la possibilità che COVID-19 possa essere dirompente in modo positivo”, prevede Sandy Mackenzie, direttore della Copenhagen International School. Ciò può portare “le scuole a scartare ciò che era obsoleto, a utilizzare la tecnologia in modo efficace e ad assicurare che gli educatori stiano sviluppando le competenze di cui le nuove generazioni hanno bisogno per i decenni a venire”.

Disuguaglianze ridotte nell’istruzione

L’uso della tecnologia digitale implica un ampio accesso ad essa. La pandemia ha messo in evidenza la disuguaglianza nella qualità e nell’accessibilità all’istruzione a livello globale e il divario digitale che esiste, anche nelle nazioni sviluppate. Con solo il sessanta per cento della popolazione globale in linea prima della pandemia, i governi, gli editori, i fornitori di tecnologia e gli operatori di rete hanno dovuto lavorare insieme per consentire agli educatori di fornire istruzione asincrona e sincrona online al maggior numero possibile di studenti in tutto il mondo.

Un programma che fa questo è il Learning Passport, una piattaforma di apprendimento remoto digitale, originariamente sviluppata per i bambini sfollati e rifugiati dal Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) in collaborazione con Microsoft. Dovuto iniziare come programma pilota nel 2020 – con i bambini in Kosovo, Timor Est e Ucraina che sono i primi a sperimentarlo – il progetto ha rapidamente ampliato la sua portata includendo scuole colpite da chiusure in tutto il mondo. Ora tutti i paesi con un curriculum che può essere insegnato online hanno accesso ai contenuti del programma attraverso libri online, video e supporto aggiuntivo per i genitori di bambini con difficoltà di apprendimento.

Per raggiungere l’obiettivo 4 degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) delle Nazioni Unite entro il prossimo decennio, speriamo di vedere più istituzioni pubbliche e private unire le forze per rendere i nostri sistemi educativi più resistenti, inclusivi ed equi per tutti.

Ripensare il ruolo dell’educatore

Il nuovo ambiente di apprendimento remoto ha significato che gli educatori hanno dovuto pensare in modo creativo ai contenuti e ai modi migliori per insegnare online. Ciò fornisce il catalizzatore per ripensare il ruolo dell’educatore, aggiungendo valore a ciò che viene insegnato. Questa esperienza ci ha anche mostrato che esiste un potenziale di flessibilità nel modo in cui l’istruzione viene erogata, creando alternative a formati e strutture educative più tradizionali. Educatori e genitori hanno osservato che alcuni dei loro studenti o figli stanno prosperando nel nuovo contesto. Ciò potrebbe portare allo sviluppo di un apprendimento remoto più sofisticato o alle opzioni di apprendimento misto per gli studenti che preferiscono un’esperienza educativa di questo tipo.

Questa crisi ha provocato un’interruzione digitale, ma ha anche sottolineato la necessità di ripensare ciò che le generazioni future verranno insegnate. Ciò è stato guidato più di recente dalla ricerca del World Economic Forum (e di altre organizzazioni) sulle competenze richieste dalla forza lavoro futura. Queste competenze future includono abilità cognitive più elevate di imprenditorialità, creatività, e innovazione, e capacità di intelligenza sociale ed emotiva – come resilienza, adattabilità e mentalità di crescita. Per risolvere alcune delle sfide globali più urgenti al mondo in futuro, l’istruzione dovrà concentrarsi sullo sviluppo di queste competenze.

Ridefinire come sarà l’educazione per le generazioni future in un mondo post-COVID-19 richiederà gli sforzi congiunti delle varie parti interessate. Dovranno riflettere seriamente e onestamente sulle questioni coinvolte, quindi intraprendere le azioni necessarie per affrontarle.

 

BOX – Una coalizione globale, quindi l’apprendimento non si ferma mai

La situazione non ha precedenti: le scuole di oltre 190 paesi in tutto il mondo hanno chiuso le porte durante la notte, per contenere la pandemia. A metà aprile, 1,57 miliardi di bambini e giovani – il novanta per cento della popolazione scolastica mondiale – avevano finito la scuola. Questa crisi dell’istruzione ha colpito in modo sproporzionato gli studenti vulnerabili e svantaggiati, per i quali la scuola svolge anche un ruolo chiave in termini di alimentazione, salute e persino supporto emotivo.

Per garantire la continuità educativa durante la crisi sanitaria, l’UNESCO ha lanciato la coalizione di educazione globale il 26 marzo 2020. Il suo obiettivo è quello di mettere in comune le risorse dei partner internazionali, della società civile e dei partner del settore privato, per aiutare i paesi a sviluppare soluzioni di apprendimento a distanza eque. Nel tentativo di assicurare che le risposte siano coordinate e soddisfino le esigenze specifiche dei diversi paesi, la coalizione lavorerà anche per facilitare il ritorno degli studenti a scuola quando riapriranno.

All’iniziativa hanno aderito un centinaio di agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni internazionali filantropiche, non profit e dei media e imprese private. Includono Microsoft, Google, Weidong, KPMG, Khan Academy e BBC World Service. Operatori di telefonia mobile come Orange e Vodafone hanno anche collaborato con la coalizione, per fornire maggiore connettività e libero accesso ai contenuti educativi online. Mentre la percentuale di giovani senza accesso a Internet da casa è inferiore al quindici per cento nell’Europa occidentale e nel Nord America, è pari all’ottanta per cento nell’Africa sub-sahariana. Sebbene oggi i telefoni cellulari consentano agli studenti di accedere alle informazioni, connettersi con i loro insegnanti e a vicenda, circa 56 milioni di studenti vivono in aree senza reti mobili, di cui circa la metà nell’Africa subsahariana.

Il lavoro dell’UNESCO nella coalizione ha incluso il monitoraggio globale delle chiusure scolastiche nazionali e localizzate e il numero di studenti interessati. Ha anche organizzato webinar settimanali per funzionari del ministero dell’educazione sulla risposta educativa alla pandemia di COVID-19.