La gestione dei siti del patrimonio mondiale dopo il COVID-19

La gestione dei siti del patrimonio mondiale dopo il COVID-19

13 Giugno 2022 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

La diffusione della pandemia di COVID-19 ha portato a lockdown nazionali e restrizioni di viaggio globali e alla chiusura di molti siti del patrimonio in tutto il mondo (vedi rapporto UNESCO World Heritage in the face of COVID-19, pubblicato nell’agosto 2021). Questa situazione duratura, anche dopo la riapertura dei siti, ha comportato impatti socioeconomici, interruzione della vita comunitaria all’interno e intorno alle proprietà del Patrimonio Mondiale e, in molti casi, l’aggravamento della povertà.

In molte parti del mondo, l’esperienza del COVID-19 ha spinto le comunità del patrimonio e le autorità nazionali a riflettere su un modello più equilibrato e resiliente di economia del patrimonio, mezzi di sussistenza e imprese con risorse locali, contribuendo nel contempo a una gestione più forte dei valori dei beni del patrimonio mondiale.

Attraverso una serie di casi pilota presso siti del patrimonio mondiale in quattro regioni del mondo, questo progetto propone strategie, metodologie per tali approcci innovativi e rafforzamento delle capacità per le autorità di gestione dei siti e le comunità locali presso le proprietà del patrimonio mondiale. La trasformazione istituzionale complessiva è finalizzata all’integrazione della conservazione, con un approccio allo sviluppo sostenibile basato sul luogo, a sostegno delle opportunità di sussistenza locali all’interno e intorno alle proprietà del patrimonio mondiale insieme a una maggiore presenza digitale e al turismo sostenibile nel quadro del documento programmatico per l’integrazione di uno sviluppo sostenibile Prospettiva nei processi della Convenzione sul patrimonio mondiale (2015).

Siti e paesi partecipanti: 

Cidade Velha – Capo Verde

Petra – Giordania

Trang An Landscape Complex – Vietnam

Sito Maya di Copan – Honduras

LEGGI DI PIU’ >>

 

Fonte: World Heritage Centre