La mostra Raffaello e la Domus Aurea prorogata fino ad Aprile

La mostra Raffaello e la Domus Aurea prorogata fino ad Aprile

10 Gennaio 2022 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

L’apertura della mostra “Raffaello e la Domus Aurea. L’invenzione delle grottesche”, che ha celebrato il cinquecentenario dalla morte di Raffaello Sanzio presso la Domus Aurea , è stata prorogata al prossimo 3 aprile.

La mostra, dagli straordinari apparati interattivi e multimediali – offrendo una particolare esperienza di visita caratterizzata da proiezioni digitali che coinvolgono l’intero spazio espositivo e uno storytelling sonoro realizzato in sincronia con il progetto visivo e interattivo – è allestita nella Sala Ottagona della Domus Aurea e nei cinque ambienti circostanti, oltre alle Stanze di Achille a Sciro e di Ettore e Andromaca ancora preziosamente decorate, racconta la straordinaria storia della scoperta delle superfici affrescate.   

Intorno alla metà del secondo decennio del Cinquecento, Raffaello (Urbino, 1483 – Roma, 1520) fu il primo artista rinascimentale a comprendere a fondo la logica dei sistemi decorativi della residenza neroniana, riproponendoli organicamente, grazie alle sue profonde competenze antiquarie, in numerosi capolavori ricordati in questa esposizione curata da Vincenzo Farinella e Alfonsina Russo con Stefano Borghini e Alessandro D’Alessio, promossa dal Parco archeologico del Colosseo e prodotta da Electa. Allestimento e interaction design sono di Dotdotdot.

La mostra è visitabile tutti i giorni, e dal venerdì alla domenica è compresa nella visita guidata del cantiere della Domus Aurea. Il Parco archeologico del Colosseo continua i lavori di restauro e di ripristino degli spazi, che beneficiano anche di un impianto di illuminazione completamente rinnovato che partecipa alla suggestione dei volumi e delle pareti affrescate, rendendo la visita della reggia neroniana sempre nuova.

Maggiori info>>  raffaellodomusaurea.it

 

Fonte: Ufficio per le relazioni con la stampa PArCo