Lazare Eloundou Assomo è il nuovo Direttore del Centro del Patrimonio Mondiale

Lazare Eloundou Assomo è il nuovo Direttore del Centro del Patrimonio Mondiale

7 Dicembre 2021 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Audrey Azoulay, Direttore Generale dell’UNESCO, ha nominato Lazare Eloundou Assomo Direttore del Centro del Patrimonio Mondiale.

COSA FA IL CENTRO DEL PATRIMONIO MONDIALE – Creato nel 1992, il Centro coordina tutte le azioni relative al Patrimonio Mondiale all’interno dell’UNESCO.  È responsabile della gestione quotidiana della Convenzione (adottata nel 1972, 50 anni l’anno prossimo), dell’organizzazione delle sessioni annuali del Comitato del patrimonio mondiale e del suo Ufficio e supporta gli Stati nella preparazione delle loro candidature.

Il Centro coordina il processo di rendicontazione sullo stato di conservazione dei siti e le azioni urgenti necessarie quando un sito è minacciato. Organizza anche l’assistenza internazionale del Fondo del Patrimonio Mondiale su richiesta. Infine, il Centro del Patrimonio Mondiale è responsabile dell’informazione pubblica sul Patrimonio Mondiale e, in questa veste, sviluppa materiale educativo per aumentare la consapevolezza della protezione del patrimonio tra i giovani.

IL NUOVO DIRETTORE –  A causa del pensionamento della dott.ssa Mechtild Rössler dal suo incarico di direttore del Centro il 30 settembre 2021, il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay ha lanciato agli esperti del settore una call per le candidature, aperta sia a professionisti interni che esterni al Centro.

Alla fine del processo, ha selezionato Lazare Eloundou Assomo. Camerunense con 26 anni di esperienza professionale, di cui 21 di lavoro sul Patrimonio Mondiale, Lazare Eloundou Assomo è un uomo che lavora “sul campo” e un sostenitore della protezione del patrimonio con i governi. Assumerà il suo incarico di Direttore del Centro del Patrimonio Mondiale all’inizio di gennaio 2022. Va notato che questa sarà la prima volta nella storia del World Heritage Centre che sarà diretto da un cittadino africano. Questo è un simbolo forte.

CHI E’  LAZARE ELOUNDOU ASSOMO – Laureato in architettura (Grenoble School of Architecture, Francia) e in urbanistica (DEA Grenoble 1), Eloundou Assomo ha iniziato la sua carriera come ricercatore associato presso il Center for Earthen Construction della Grenoble School of Architecture nel 1996. responsabile dell’attuazione di progetti di habitat in Africa, e poi del coordinamento pedagogico del programma di conservazione Africa 2009 istituito dal Centro del patrimonio mondiale dell’UNESCO e dall’ICCROM. È entrato a far parte dell’UNESCO nel 2003 nell’Africa Unit del World Heritage Centre, dove ha contribuito alla creazione dell’African World Heritage Fund e allo sviluppo del World Heritage Earthen Architecture Program (WHEAP). Dal 2008 al 2013 è stato Capo dell’Unità Africa del Centro del Patrimonio Mondiale. Durante questo periodo ha coordinato diversi progetti di restauro in Mozambico (Ilha World Heritage Fortress), Uganda e Mali, nonché iniziative di capacity building nella regione. È l’autore del libro African World Heritage: A Remarkable Diversity, co-autore con Ishanlosen Odiaua e pubblicato nel 2012 dall’UNESCO. Nel 2013, è entrato a far parte dell’ufficio dell’UNESCO a Bamako e ne è diventato il capo nel 2014. È poi diventato il rappresentante principale dell’UNESCO in Mali. Mentre il paese è stato colpito da un violento conflitto armato, è stato incaricato della protezione del patrimonio culturale del Mali. Ha guidato con successo la ricostruzione dei mausolei di Timbuktu e la salvaguardia di antichi manoscritti. È tornato alla sede dell’UNESCO a Parigi nel 2016, inizialmente come vicedirettore della Divisione del Patrimonio e del Centro del Patrimonio Mondiale. Nel 2018 è diventato Direttore della Cultura e delle Emergenze, coordinando le risposte di emergenza per la conservazione del patrimonio colpito da conflitti e disastri e la restituzione dei beni culturali ai sensi della Convenzione del 1970.

FONTE: UNESCO.ORG / TRADUZIONE A CURA DELLA REDAZIONE