Museo di Capodimonte, annunciato un nuovo piano di valorizzazione

Museo di Capodimonte, annunciato un nuovo piano di valorizzazione

16 Luglio 2019 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco
Il Segretario Generale del Ministero per i beni e le attività culturali, Giovanni Panebianco, nel contesto di un intenso programma di attività che ha interessato anche i Musei e Parchi Archeologici di Ercolano e Paestum, ha partecipato, presso il Museo e Real Bosco di Capodimonte, ad un incontro con il Direttore Sylvain Bellenger per approfondire contenuti e modalità attuative del “Grande progetto di valorizzazione del Museo e Real Bosco di Capodimonte”. Oltre a fare il punto sul complesso dei processi avviati e da avviare, le valutazioni si sono soffermate, in particolare, sul Campus e realizzazione cabinet delle porcellane.
Hanno partecipato alla riunione, oltre all’arch. Dora Di Francesco, Autorità di Gestione PON-FESR-FSC, anche qualificati funzionari del Ministero e del Museo. L’incontro ha infatti rappresentato l’occasione per esaminare le misure da adottare per il rafforzamento della struttura di gestione del Grande Progetto e quindi il più rapido ed efficace utilizzo delle risorse disponibili.
Il “Grande progetto di valorizzazione del Museo e Real Bosco di Capodimonte”, finanziato nell’ambito del “Piano strategico Grandi Progetti Beni Culturali – annualità 2020” (D.M. 240/2019), si inserisce in un più ampio programma di interventi finalizzati a trasformare il complesso di Capodimonte in un “Campus Culturale” unico in Europa, capace di coniugare arte, storia, architettura, design, natura, spettacoli ed esecuzioni artistiche, ristoro e svago. Un intervento di grande valenza strategica, che integra le risorse nazionali e comunitarie già destinate a Capodimonte, per un valore complessivo di 104 milioni di euro. Il Progetto consentirà di potenziare l’offerta culturale e l’attrattività di Capodimonte, ampliandone numero e qualità dei servizi, sia per i visitatori che per la comunità residenziale, a partire dai quartieri limitrofi di Sanità, Miano, Stella, San Carlo all’Arena e Scampia, attraverso iniziative di promozione, divulgazione e coinvolgimento attivo che contribuiranno a qualificare il Progetto, anche in relazione alla sua importante connotazione sociale.