Nuovo “padrone di casa” per il Real Sito di Carditello

Nuovo “padrone di casa” per il Real Sito di Carditello

15 Settembre 2016 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, Dario Franceschini, d’intesa con il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ha nominato il 9 settembre scorso il Professor Luigi Nicolais Presidente della Fondazione Real Sito di Carditello, a San Tammaro (Caserta).

“Nicolais, già ministro per le riforme e le innovazioni nella pubblica amministrazione, vice presidente della Commissione Cultura della Camera e Presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche, assume così l’incarico di guidare l’istituzione chiamata a gestire il rilancio, la valorizzazione e la promozione di un luogo straordinario, recuperato alla proprietà pubblica grazie al mio predecessore Massimo Bray. – ha detto Franceschini – Nell’augurare a Nicolais buon lavoro, desidero ringraziare Mirella Barracco per l’impegno profuso in questi mesi e il prezioso apporto di idee e contenuti con qui ha accompagnato i primi passi della Fondazione”.

La Reggia di Carditello fu realizzata a metà del 1700 dall’architetto Francesco Collecini, allievo e collaboratore del Vanvitelli, e fu utilizzata dai Borboni come tenuta di caccia e azienda agricola e di allevamento di cavalli di razze pregiate.  Dopo secoli di cattivo uso, degrado, abbandono e utilizzo sconsiderato, questa perla barocca dal 2014, grazie all’ex ministro Bray, la Reggia di Carditello è di proprietà dello Stato e sono stati conclusi i primi lavori di ristrutturazione per 3 milioni di euro. Da due anni la struttura è in gestione al Polo museale della Campania.