Omaggio ad Antonio Canova a Possagno in attesa degli anniversari canoviani del 2022

Omaggio ad Antonio Canova a Possagno in attesa degli anniversari canoviani del 2022

22 Marzo 2021 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Prende il via la mostra Paolina. Storia di un capolavoro, al Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno dal 19 marzo al 30 maggio 2021 – per adesso fruibile on line >>.
Questa iniziativa inaugura le celebrazioni propedeutiche agli anniversari canoviani del 2022, anno in cui infatti ricorrerà il bicentenario della morte di Antonio Canova, uno dei più grandi artisti di tutte le epoche e che proprio nel piccolo paese del trevigiano è nato nel 1757.

Il Museo vuole omaggiare l’opera dedicandole una mostra che intende valorizzare il percorso compiuto da Canova per giungere alla realizzazione del capolavoro definitivo, nelle scelte stilistiche e compositive, focalizzando l’interesse sui lavori grafici, pittorici e plastici che hanno preceduto l’opera stessa, ripercorrere le vicende storiche del modello in gesso che appartiene al nostro patrimonio susseguitesi nel corso del tempo, dalla sua genesi ai giorni nostri e infine aprire un confronto sul tema del restauro del gesso.

“La Mostra è stata pensata poco tempo dopo il danneggiamento subìto dal capolavoro canoviano, occorso lo scorso luglio. Oltre a voler celebrare l’opera e la conclusione dei lavori di restauro, l’intento è di far riflettere sulla necessità di salvaguardare l’intero patrimonio artistico, memoria storica di ogni civiltà” ha dichiarato la dottoressa Moira Mascotto, Direttore del Museo Gypsotheca Antonio Canova e Curatrice della Mostra, precisando che “questa è la prima Mostra organizzata dal Museo dopo un periodo di difficoltà legato alla pandemia ed intende inaugurare il ricco programma legato alle celebrazioni dei 200 anni della morte di Canova.”

Per valorizzare il percorso compiuto da Canova, il Curatore ha inteso avvalersi della testimonianza di alcune opere appartenenti al patrimonio di Possagno ed esposte in maniera permanente nelle sale espositive di Casa Canova, “studi” che confluirono nelle scelte finali adottate dall’Artista per la realizzazione della Paolina. Significative le testimonianze delle tempere come Danzatrici e Ninfe con amorini e Muse, o di lavori plastici come la Ebe e le tre Danzatrici, le famose Teste Ideali e alcuni busti
femminili della famiglia Bonaparte, cui si aggiungono alcuni dipinti a olio realizzati dal Canova in età giovanile, la Venere con Fauno e Venere con specchio, di tradizione veneziana cinquecentesca, nei quali il corpo femminile giaceva comodamente sdraiato su un fianco, anche questi conservati ed esposti permanentemente presso il Museo di Possagno.
Nella seconda parte del progetto, che tratta le vicende storiche del gesso canoviano, si vuole raccontare attraverso preziosi documenti d’archivio appartenenti al patrimonio possagnese, il trasporto via mare del gesso dal porto di Civitavecchia prima a Venezia, attraverso l’uso di casse di legno, e poi fino a Possagno tramite dei carri trainati da buoi, per essere successivamente esposto, a partire dal 1836, nella Gypsotheca edificata per volontà di Giovanni Battista Sartori su progetto dell’architetto veneziano Francesco Lazzari.
Saranno inoltre esposti i primi cataloghi della Gypsotheca, che testimoniano l’allestimento originario, e alcuni volumi storici contenenti interessanti passi attinenti all’opera.

 

Fonte: Ufficio Stampa Organizzatori