Ripensare il Museo del Futuro

Ripensare il Museo del Futuro

1 Agosto 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

di Sally Tallant, Presidente e direttore esecutivo, Queens Museum, New York (da: Il corriere dell’UNESCO • Luglio-Settembre 2020)

 

In tutto il mondo, i musei sono stati chiusi a causa dell’impatto di COVID-19. Ciò ha significato che queste istituzioni hanno dovuto imparare rapidamente come operare in remoto e rimanere pertinenti e visibili mentre i loro edifici rimangono fuori limite. Il ruolo della cultura e dei musei nella nostra società sta già attraversando rapidi cambiamenti. I contenuti digitali sono ora essenziali per mantenere il pubblico confinato nelle loro case.

Le sfide dell’adattamento a un numero ridotto di visitatori, l’allontanamento sociale nel museo e la garanzia del personale e della sicurezza pubblica significano che l’esperienza della cultura è radicalmente cambiata. Questi tempi imprevedibili richiedono un rapido processo decisionale a tutti i livelli.

A livello globale, i leader culturali stanno lavorando insieme per condividere informazioni e conoscenze in questo momento e c’è un vero senso di comunità, supporto e collaborazione nonostante le sfide che ognuno di noi sta affrontando. A New York, ci sono stati incontri regolari di piccoli gruppi e coalizioni molto più grandi. Oltre 200 persone di organizzazioni culturali si sono incontrate quotidianamente per raccogliere e condividere informazioni e fare pressione insieme. Stiamo trovando modi innovativi per mantenere a galla le nostre istituzioni e ispirare le nostre comunità a livello locale e globale.

La necessità di cambiare modello

Fino a quando non vi sarà un completo recupero, i musei con grandi dotazioni e collezioni da cui attingere saranno in una posizione migliore rispetto a quelli piccoli, che si basano sui contributi dei sostenitori, che probabilmente subiranno profonde perdite. Tutti i musei analizzeranno i loro flussi di reddito. I grandi musei che dipendono dal turismo e dalle tasse di ammissione, dovranno cambiare i loro modelli. I piccoli musei avranno il vantaggio; siamo agili, abituati a lavorare con budget limitati e più in sintonia con le esigenze dei nostri vicini e delle nostre comunità.

Mentre affrontiamo le sfide di un mondo drammaticamente modificato a causa di COVID-19, stiamo pensando al futuro del Museo. Queens, il quartiere più vario della città, dove si trova il museo, era l’epicentro della pandemia di New York. I suoi quartieri sono stati tra i più vulnerabili nei cinque distretti. Includono molti dei nostri lavoratori essenziali: guidano taxi, riforniscono i supermercati, producono e consegnano cibo e lavorano nell’economia dei concerti. Spesso, il loro lavoro non offre assicurazione sanitaria, prestazioni o protezione del lavoro. Molti sono immigrati privi di documenti e non hanno il lusso di stare a casa e di non lavorare.

Si è verificato un fallimento politico sistemico nel fornire risorse e cure sanitarie e questo ha portato allo sviluppo di una società che manca di empatia, cura e rispetto per le persone e per la diversità. Le comunità della classe operaia nei nostri quartieri soffrono in modo sproporzionato. Ora viviamo con una precarietà palpabile. Ci troviamo di fronte a molte domande: come torneremo al Museo? Cosa significherà che le persone si riuniranno di nuovo in luoghi pubblici? Quali misure dovremo prendere per rendere sicuri i nostri spazi – per il nostro personale e per il pubblico? Insieme ai miei colleghi nel Queens, stiamo lavorando con la comunità per capire cosa è rilevante e cosa è necessario. Dovremo recuperare, ricollegare, riparare, guarire; avremo bisogno di imparare insieme come possiamo generare spazi produttivi e gioiosi, mentre rispondiamo alle cure e ai bisogni pratici delle nostre comunità.

Una vetrina per collezioni esistenti

La storia del Queens Museum e la sua posizione possono fornire una guida per comprendere come potremmo creare un modello rilevante di museo per il futuro e sviluppare strategie per supportare artisti, educatori e le nostre comunità. La raccolta di oltre 13.000 oggetti ci consente di raccontare storie che ci aiuteranno a informare il nostro futuro, usando i frammenti del passato. Inviteremo artisti, curatori e pubblico ad agitare e attivare i suoi contenuti per realizzare mostre e mostre.

Fondato nel 1972, il Museo si trova nel New York City Building, che fu costruito per ospitare il Padiglione di New York City alla Fiera mondiale del 1939-1940. La Fiera fu pianificata durante la Grande Depressione (1929-1939) e intesa come un progetto edificante per il pubblico e per l’economia. Il tema, Il mondo di domani, ha sottolineato questo ottimismo e speranza per il futuro. Dal 1946 al 1950, l’edificio ospitò l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite appena formate fino a quando non divenne disponibile il sito dell’attuale casa delle Nazioni Unite a Manhattan.

Vi furono prese molte decisioni importanti, inclusa l’istituzione del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF). Per onorare questa storia, stiamo sviluppando un Museo per bambini, che si ispira alla storia della ricreazione e del gioco nel parco circostante e nell’edificio, che un tempo era anche usato come pista di pattinaggio.

Le strategie del passato – di impiegare artisti per lavorare insieme con le comunità e nelle organizzazioni – possono fornirci l’ispirazione per come possiamo ancora una volta affermare la cultura e le arti come un’industria essenziale e centrale per la società e il suo recupero. Avremo bisogno di nuovi modelli finanziari e nuove iniziative fiscali per favorire il recupero.

Scrittori, designer, architetti, invitati a contribuire

Per la Fiera mondiale del 1939, molti progetti vennero realizzati attraverso i programmi di assistenza sul lavoro New Deal del presidente Franklin D. Roosevelt, che crearono occupazione, compresa la produzione artistica sulla scia della Grande Depressione. Gli artisti sono stati pagati per creare opere per edifici governativi, centri comunitari e istituzioni attraverso vari programmi, che hanno creato occupazione per migliaia di artisti nel corso degli anni. Queste iniziative e storie continuano a informare generazioni di artisti e organizzatori negli Stati Uniti.

Oggi affrontiamo la prospettiva della disoccupazione di massa e di una recessione economica, una crescente crisi di rifugiati, oltre a vivere nel mezzo di una crisi sanitaria globale. Dovremo sviluppare una comprensione di come possiamo vivere e lavorare con un mondo in costante cambiamento e di come possiamo affrontare insieme il dolore collettivo – dolore per la perdita dei propri cari, perdita di habitat a causa dell’emergenza climatica e dolore per la perdita di un modo di vivere.

Quindi, cosa abbiamo imparato, cosa significa reimmaginare un museo e quali strumenti sono necessari per creare organizzazioni pertinenti e utili? Al Queens Museum, abbracciamo l’incertezza di questo momento e confidiamo nel fatto che artisti, scrittori, designer, poeti e architetti possano aiutarci a rifare il Museo. Stiamo sviluppando un modello di museo che mette al centro artisti, educatori e organizzatori. Lavoreremo in coalizione con partner culturali, educativi e di comunità a livello locale e creeremo le condizioni per sostenere la produzione di lavoro, idee e collaborazione. Impiegheremo artisti delle nostre comunità e forniremo spazi in studio, supporto, risorse, supporto tecnico e tutor per creare conversazioni intergenerazionali e internazionali. Reimmagineremo come il Museo può operare e concentrarsi sulla produzione in loco e nei nostri quartieri.

L’istruzione è al centro del nostro lavoro e continueremo a sviluppare contenuti digitali e trasmetteremo dal Museo, nonché a convocare e creare momenti di connessione e intimità necessari. Saremo iper-locali e internazionali alla nostra portata.

Connettersi attraverso l’arte

Il quartiere del Queens è multiculturale nelle sue tradizioni e nel distretto vengono parlate oltre 160 lingue. Questa diversità si rifletterà nell’arte prodotta e nell’educazione e nella pratica sociale che ha luogo. Allo stesso tempo, la diffusione di ciò che viene prodotto e le descrizioni di ciò che avviene nel distretto, saranno comunicate digitalmente a un pubblico globale – sia in luoghi che riflettono gli sfondi delle comunità del Queens, sia in dialogo con altri culturalmente diversi quartieri e città di tutto il mondo.

“L’unica cosa che rende possibile la vita è l’incertezza permanente e intollerabile; non sapendo cosa verrà dopo ”, ha scritto l’autore americano Ursula K. Le Guin nel suo romanzo di fantascienza del 1969, The Left Hand of Darkness. Viviamo nel futuro distopico che temevamo e che è stato descritto in modo così eloquente da Le Guin? Spero che possiamo trovare la strada per tornare alle nostre comunità.

Spero che possiamo recuperare e reimmaginare i nostri spazi culturali e ancora una volta creare e connetterci attraverso l’arte e la cultura. Spero che questa esperienza ci abbia mostrato come possiamo superare la distanza e trovare nuovi modi di comunicare, collaborare e costruire prossimità e comunità. So che i musei e la cultura hanno un ruolo importante da svolgere nella guarigione e nel recupero di cui avremo tutti bisogno nei prossimi mesi e anni e non vedo l’ora di trovare il nostro posto insieme alle nostre comunità – nel Queens e altrove.

 

BOX – Industrie creative: aumentare la resilienza

I settori culturali e creativi sono stati tra i più colpiti dalla pandemia. I musei sono stati particolarmente colpiti, con quasi il novanta per cento – o più di 85.000 istituzioni – costretti a chiudere le porte (UNESCO, maggio 2020) per periodi di tempo variabili durante la crisi COVID-19.

Privati ​​del loro pubblico, queste istituzioni stanno affrontando un forte calo delle entrate. Di conseguenza, le professioni legate ai musei, il loro funzionamento e la portata della loro influenza potrebbero essere seriamente influenzate. Un sondaggio condotto dall’International Council of Museums (ICOM) a metà maggio in occasione della Giornata internazionale dei musei stima che quasi il 13% dei musei del mondo potrebbe non essere mai in grado di riaprire.

La crisi ha anche rivelato importanti disparità culturali e digitali. Il divario digitale, già significativo tra paesi e regioni, è stato aggravato dalla crisi. In Africa e negli Stati in via di sviluppo della piccola isola (SIDS) – che rappresentano solo l’1,5 per cento del numero totale di musei in tutto il mondo – solo il cinque per cento dei musei è stato in grado di offrire contenuti online alternativi al pubblico durante il periodo di blocco, secondo l’UNESCO .

In risposta a questa crisi culturale e sociale, l’UNESCO ha lanciato il movimento ResiliArt nell’aprile 2020, per evidenziare il notevole impatto delle misure di blocco sul settore culturale. Il suo obiettivo è quello di mobilitare i professionisti del settore culturale e altre parti interessate per aumentare la resilienza e la sostenibilità delle industrie creative e delle istituzioni culturali.

Nell’ambito di questo movimento, gli Stati membri dell’UNESCO hanno posto tra le loro priorità l’adozione di misure e politiche a sostegno e promozione della diversità delle espressioni culturali – come lo sviluppo di capacità, la protezione sociale per il personale museale, la digitalizzazione e l’inventario delle collezioni, e lo sviluppo di contenuti online.

Questa mobilitazione internazionale ha permesso di avviare dialoghi per informare i paesi sullo sviluppo di politiche e meccanismi finanziari per aiutare le persone e le comunità creative a superare la crisi. Le discussioni hanno messo in evidenza i mezzi disponibili per il settore pubblico e privato per preservare gli ecosistemi culturali ed esplorare percorsi di ripresa. Alla fine di maggio, oltre cinquanta dibattiti ResiliArt erano già stati organizzati in più di trenta paesi, con la partecipazione di artisti e professionisti della cultura di tutte le regioni del mondo.