What about your Intangible Cultural Heritage?

What about your Intangible Cultural Heritage?

5 Febbraio 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

 

 

Since 2003, the Secretariat of the Convention for the Safeguarding of the Intangible Cultural Heritage has constantly invested in knowledge management to provide States Parties with detailed information and online services for its implementation. In doing so, a lot of data has been accumulated, in particular regarding elements inscribed on the lists of the 2003 Convention. However, so far data on elements has been presented year by year, country by country, list by list, but not according to the actual cultural content it refers to.

In 2016, the Intangible Cultural Heritage Section started a reflection on how to bring together elements dealing with similar topics, share different ways that elements can be connected to one another through concepts/ideas and, develop a map based on content/meaning (semantics) rather than geography.
The UNESCO Thesaurus was identified as a useful framework to index these elements since its vocabulary is shared throughout UNESCO. It creates the possibility to share interconnections between ICH-related data and other UNESCO programmes at a later stage.

In 2017, all inscribed elements were indexed against 10 to 15 concepts chosen either from the UNESCO Thesaurus or, when needed, from concepts created in a complementary vocabulary containing more specific terms. To better reflect the relative importance of the concepts selected for a given element, one to four concepts were defined as primary, with the rest being set as secondary. Typically, similar elements will share the same primary concepts, while semantic nuances are brought in by the secondary concepts.

Altogether, the elements refer to almost 1,000 concepts, and 15,000 relationships were created between elements, concepts, countries and regions. Based on this data, a prototype was elaborated in early 2018. Its presentation convinced the Kingdom of the Netherlands to support its further development.

The data were refined with the help of experts and additional versions of the visualizations were prepared (biomes, threats and domains) for the launch of Dive into intangible cultural heritage during the first day of the thirteenth session of the Committee.

Using web-semantics and graphic visualization, ‘Dive into Intangible Cultural Heritage’ proposes a broader conceptual and visual navigation through close to 500 elements inscribed on UNESCO’s Lists of the 2003 Convention. It explores the various elements across domains, themes, geography and ecosystems and makes it possible to visualize deep inter-connections among them. The visualisations are constantly evolving as new elements get inscribed and the indexing is refined.
Users also browse the elements through listings, discover multiple ways to navigate through a dynamic and interactive space of vibrant intangible cultural heritage practices and expressions. See how together they represent a rich cultural diversity.

 

 

Dal 2003, il Segretariato della Convenzione per la salvaguardia del patrimonio culturale immateriale ha costantemente investito nella gestione della conoscenza per fornire agli Stati Parti informazioni dettagliate e servizi online per la sua attuazione. Nel fare ciò, sono stati raccolti molti dati, in particolare per quanto riguarda gli elementi iscritti negli elenchi della Convenzione del 2003. Tuttavia, finora i dati sugli elementi sono stati presentati anno per anno, paese per paese, elenco per elenco, ma non secondo l’effettivo contenuto culturale cui si riferisce.

Nel 2016, la sezione del patrimonio culturale immateriale ha iniziato una riflessione su come riunire elementi che trattano argomenti simili, condividere modi diversi in cui elementi possono essere collegati tra loro attraverso concetti / idee e sviluppare una mappa basata sul contenuto / significato (semantica) piuttosto che geografia.
Il Thesaurus UNESCO è stato identificato come un utile framework per indicizzare questi elementi poiché il suo vocabolario è condiviso in tutto l’UNESCO. Offre la possibilità di condividere le interconnessioni tra i dati relativi a ICH e altri programmi UNESCO in una fase successiva.

Nel 2017, tutti gli elementi inscritti sono stati indicizzati rispetto a 10-15 concetti scelti dal Thesaurus UNESCO o, se necessario, da concetti creati in un vocabolario complementare contenente termini più specifici. Per riflettere meglio l’importanza relativa dei concetti selezionati per un dato elemento, da uno a quattro concetti sono stati definiti come primari, mentre il resto è impostato come secondario. Tipicamente, elementi simili condivideranno gli stessi concetti primari, mentre le sfumature semantiche sono introdotte dai concetti secondari.

Complessivamente, gli elementi si riferiscono a quasi 1.000 concetti e sono state create 15.000 relazioni tra elementi, concetti, paesi e regioni. Sulla base di questi dati, all’inizio del 2018 è stato elaborato un prototipo. La sua presentazione ha convinto il Regno dei Paesi Bassi a sostenere il suo ulteriore sviluppo.

I dati sono stati perfezionati con l’aiuto di esperti e sono state preparate versioni aggiuntive delle visualizzazioni (biomi, minacce e domini) per il lancio di Dive nel patrimonio culturale immateriale durante il primo giorno della tredicesima sessione del Comitato.

Utilizzando la semantica web e la visualizzazione grafica, “Immergiti nel patrimonio culturale immateriale” propone una navigazione concettuale e visiva più ampia attraverso circa 500 elementi iscritti negli elenchi dell’UNESCO della Convenzione del 2003. Esplora i vari elementi attraverso domini, temi, geografia ed ecosistemi e consente di visualizzare interconnessioni profonde tra loro. Le visualizzazioni sono in continua evoluzione man mano che nuovi elementi vengono iscritti e l’indicizzazione viene perfezionata.
Gli utenti sfogliano anche gli elementi attraverso elenchi, scoprono diversi modi per navigare attraverso uno spazio dinamico e interattivo di pratiche ed espressioni del patrimonio culturale immateriale vibrante. Guarda come insieme rappresentano una ricca diversità culturale.