“Coltiviamo l’Arte” per riqualificare i beni trascurati

“Coltiviamo l’Arte” per riqualificare i beni trascurati

20 Luglio 2016 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Candidare gli agricoltori a “custodi” del patrimonio storico-archeologico del territorio italiano, cominciando dalla tutela dei beni culturali e paesaggistici già presenti all’interno delle imprese agricole o situate nelle loro immediate vicinanze. È l’obiettivo di Turismo Verde e CIA-Agricoltori Italiani, rilanciato qualche giorno fa a Castellaneta, in provincia di Taranto con l’iniziativa “Coltiviamo l’arte”. In pratica si tratta di realizzare progetti di riqualificazione per riportare alla luce i beni trascurati e garantire indotto e nuovi posti di lavoro.

”Vogliamo riaprire i siti in disuso come chiese, torri, masserie spesso in stato di abbandono, rendendoli fruibili e nuovamente accessibili al pubblico”, ha detto Alberto Giombetti, responsabile Relazioni esterne e territoriali di CIA, secondo il quale il gap tra dotazione e capacità di conservazione, gestione e promozione potrebbe essere colmato dagli agricoltori, diventando le ‘sentinelle del bello’ ma anche i promotori dei ‘valori territoriali’. Sono 130 i paesaggi rurali artistici censiti e su 51 siti riconosciuti dall’UNESCO la metà sono in ambito rurale (il 40% del patrimonio monumentale e il 60% di quello archeologico si trova in contesti non urbani). Imprenditori agricoli che svolgerebbero un ruolo di vigilanza costante e manutenzione del verde; collaborazione che sfocerebbe anche in una maggiore offerta di servizi da fornire agli stessi ospiti delle aziende agricole e degli agriturismi interessati a visite guidate in siti di particolare interesse storico-artistico.

Sono già in essere percorsi pilota pilota con il Segretariato dei Beni culturali della Regione Emilia Romagna, fa sapere l’organizzazione, che presto potrebbero estendersi anche in Puglia e Basilicata, per arrivare a stipulare un protocollo d’intesa tra CIA e Ministero dei Beni culturali e ambientali e del turismo.

Fonte: ANSA.it