Passitaly 2017 celebra la vite ad alberello e il riconoscimento UNESCO

Passitaly 2017 celebra la vite ad alberello e il riconoscimento UNESCO

6 Settembre 2017 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Il Passito di Pantelleria e la coltura della vite ad alberello saranno celebrati dal 7 al 10 settembre a Passitaly 2017, IV edizione della manifestazione interamente dedicata alla celebrazione dei vini passiti naturali del Mediterraneo.

Promossa dal Comune di Pantelleria, dal Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini Doc dell’Isola e con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Passitaly 2017 avrà due focus principali: la pratica agricola della vite ad alberello di Pantelleria, iscritta nel Registro dei Beni immateriali dell’Umanità dell’UNESCO da tre anni, che ne ha riconosciuto il suo valore storico-culturale e identitario; e l’istituzione del Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria, il primo riconosciuto in Sicilia, che tutela, l’intero territorio dell’isola dove è praticata una viticoltura eroica.

A Pantelleria la civiltà dell’uomo ha saputo interpretare al meglio un contesto unico ma al tempo stesso difficile e, a volte, ostile. Terrazzamenti, muretti a secco e dammusi sono la prova concreta e tangibile di una tradizione agricola millenaria la cui unicità è il frutto di un millenario sposalizio con il territorio, che trova esaltazione nella coltivazione del prodotto principe dell’isola, lo zibibbo, il cui apice è stato raggiunto nella realizzazione dell’allevamento della vite ad alberello. Passitaly, oltre a dare la possibilità di degustare le produzioni più prestigiose di vini passiti dell’isola consentirà di scoprire Pantelleria attraverso le diverse specificità del suo territorio Protagoniste dell’evento infatti saranno le aziende del Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini Doc dell’Isola di Pantelleria che durante questo lungo week end ospiteranno la delegazione della stampa invitata all’evento e il pubblico che potranno così vivere uno degli aspetti più emblematici dell’agricoltura pantesca. In questi giorni, infatti si sta completando la vendemmia dello Zibibbo, il momento più bello per visitare l’isola ma anche il più importante per i contadini, impegnati nella raccolta dei grappoli sui terrazzamenti, nell’appassimento al sole e nella sgrappolatura delle uve passite, tutte fasi di una tradizione agricola millenaria condivise e vissute da un’intera comunità.

Il programma prevede una discussione con gli interventi tra gli altri di Luca Bianchi (capo dipartimento del ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali), Maria Carmela Giarratano (dirigente generale del ministero dell’Ambiente), Pier Luigi Petrillo (responsabile Ufficio Unesco del ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali), Darco Pellis (prefetto di Trapani), Antonello Cracolici (assessore regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea).

E ancora: Salvatore Parlato (presidente del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria), Giuseppe Barbera (ordinario di Colture Arboree della Facoltà di Agraria Unipa), Tin Curtis (segretario generale Convenzione Unesco per il patrimonio Immateriale), Benedetto Renda (presidente del Consorzio volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini Doc dell’Isola di Pantelleria), Antonio Rallo (presidente Doc Sicilia), Renato Grimaldi (commissario straordinario Parco nazionale di Pantelleria) e Angelo Casano (Associazione Agorà di Pantelleria) in rappresentanza dei giovani di Pantelleria.

Seguirà la riunione aperta del comitato ministeriale per la Gestione del riconoscimento UNESCO per Pantelleria, con la presenza dei produttori dell’isola e delle associazioni culturali, e la consegna del premio ‘Pantelleria Patrimonio UNESCO 2017’. Mentre sabato 9 settembre, dalle ore 11,30 alle 13,30, è prevista l’inaugurazione della Piazze Unesco a Mueggen, Serraglia, Bugeber e Bukkuram, quattro luoghi rurali simbolo dell’Isola di Pantelleria e della coltivazione della vite ad alberello, e a Tracino in piazza Perugia con la posa di targhe celebrative. Previsti per il pubblico anche diversi appuntamenti con degustazioni, serate di musica e iniziative culturali: venerdì 8 settembre, alle 21,30, a piazza Castello, si svolgerà lo spettacolo ‘L’isola in danza’, a cui seguirà il concerto di Pietro Gabriele, mentre sabato 9 settembre a Tracino, piazza Perugia, ci sarà il concerto delle Divas ‘Un tributo alle grandi donne della musica arrangiato per tre voci’.

Previsti per il pubblico anche diversi appuntamenti con degustazioni, serate di musica e iniziative culturali.

Fonte: organizzatori