Ciak si gira! “Il giorno pià bello” ad Alberobello

Ciak si gira! “Il giorno pià bello” ad Alberobello

30 Giugno 2016 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

La città di Alberobello chiama “al cinema” i cittadini: per trenta giorni le vie cittadine faranno infatti da set cinematografico per il nuovo film del regista  Vito Palmieri, “Il giorno più bello” e l’amministrazione comunale invita gli alberobellesi  e i visitatori della città UNESCO, sono invitati a praticare la massima tolleranza, ove possibile.

Il fim di Vito Palmieri, regista pugliese originario di Bitonto, è prodotto da Altre Storie, Clemart e Rai Cinema. Le scene saranno girate nei vicoli più caratteristici dellaCapitale dei Trulli ed andrà in onda a fine anno al Cinema.

Inoltre, la produzione è alla ricerca di comparse per la scena del film ambientata in una “Festa di matrimonio”: si tratta di donne e uomini di bella presenza, di età compresa tra i 24 e i 45 anni, con disponibilità dal 4 all’8 luglio e il 12 luglio (dalle ore 20.00 alle ore 04.00).

I provini si terranno:  venerdì 1 luglio, dalle 15 alle 20 e sabato 2 luglio, dalle 9.30 alle 13, presso  il Centro Polivalente Alberobello in Contrada Popoleto 13

I candidati dovranno presentarsi muniti NECESSARIAMENTE di: Fotocopia documento di identità, Fotocopia del codice fiscale. Fotocopia permesso di soggiorno per gli extracomunitari

LA TRAMA DEL FILM

ANDREA e FILIPPO si amano e convivono da tre anni, ma Andrea ha deciso che è giunto il momento di sposarsi e fa registrare una richiesta con il proprio nome. Vuole un vero matrimonio come ogni coppia che si ama, ma non sa che molte questioni dovranno essere risolte prima di quel giorno. Innanzitutto, Filippo non trova il coraggio di dire che è gay a suo padre e suo nonno, due notai pugliesi. Per questo finge di dover sposare Amanda, una sua amica che si presta per aiutarlo. Ma Filippo non è l’unico a non aver avuto il coraggio di dire la verità. Anche Anna, la madre di Andrea, che si è costruita una nuova vita negli States, non riesce a rivelare a suo marito Anthony, candidato a governatore del Kansas per i conservatori e al figlio Jimmy, predicatore evangelista di rigidi principi, che Andrea è gay. Fatalmente, il giorno della cerimonia arriva e nessuno conosce la verità…

 

Fonte: Uff. Stampa e Relazioni Esterne Comune di Alberobello