Intergovernmental Panel on Climate Change at work in Paris

Intergovernmental Panel on Climate Change at work in Paris

27 Febbraio 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

The Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) is meeting at UNESCO on 24-28 February to consider the outline of the Synthesis Report for the Sixth Assessment Report, which will provide policymakers in 2022 with the most up-to-date scientific information related to climate change. The opening ceremony brought together government representatives and heads of UN-Agencies, who stressed the importance of providing a sound scientific basis to develop strong climate policies. It was followed by a panel discussion on the role of knowledge systems to improve climate action.

“The Synthesis Report will integrate all the information the IPCC is preparing in its current special and assessment reports to provide policymakers with the most up-to-date policy-relevant information pertinent to climate change,” said IPCC Chair Hoesung Lee. Due to be released in the first part of 2022, it will serve as the basis for international negotiations and will be ready in time for the first global stocktake under the Paris Agreement in 2023.

“Science is key in tackling the climate crisis and other sustainability challenges,” said UNESCO Director-General Audrey Azoulay. “The work of the IPCC is of vital importance here and UNESCO, as the host of IPCC-52, is determined to draw on its scientific expertise, and on the work and experience of its biosphere reserves, natural heritage sites and education programmes, in leading the transformation we need for people and the planet.”

The panel discussion “Planet in Peril: Transforming the Course of Climate Action” focused on the need for more ambitious responses to the climate crisis. In recent years, there have been unprecedented wildfires, hurricanes and drought, amplified by climate change. Less extreme events are not covered by news report, but are nonetheless threatening entire communities. Eminent scientists, climate experts, youth leaders and representatives of indigenous peoples, who have firsthand knowledge of the climate issues, focused on the solutions that are available to us, on ways and means to raise ambition for more effective climate action and on the role and contributions of science and knowledge.

IPCC-52 will continue in closed session until 28 February to consider the Synthesis Report outline, to elect a member of the Bureau of the Task Force on National Greenhouse Gas Inventories, to launch the regular review of IPCC procedures, and transact other business.

 

Il gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) è al lavoro presso l’UNESCO in un incontro che si tiene fra il 24 e il 28 febbraio, per esaminare il Resoconto di sintesi del sesto Rapporto di Valutazione, che fornirà ai responsabili politici nel 2022 le informazioni scientifiche più aggiornate relative a cambiamento climatico. La cerimonia di apertura ha riunito rappresentanti del governo e capi delle agenzie delle Nazioni Unite, che hanno sottolineato l’importanza di fornire una solida base scientifica per sviluppare politiche climatiche forti. È stato seguito da una tavola rotonda sul ruolo dei sistemi di conoscenza per migliorare l’azione per il clima.

“Il Rapporto di sintesi integrerà tutte le informazioni che l’IPCC sta preparando nelle sue attuali relazioni speciali e di valutazione per fornire ai responsabili delle politiche le informazioni più aggiornate pertinenti ai cambiamenti climatici”, ha affermato Hoesung Lee, presidente dell’IPCC. Il Rapport, che dovrebbe essere diffuso nella prima parte del 2022, servirà come base per i negoziati internazionali e sarà pronto in tempo per il primo inventario globale previsto dall’accordo di Parigi nel 2023.

“La scienza è la chiave per affrontare la crisi climatica e altre sfide di sostenibilità”, ha dichiarato Audrey Azoulay, direttore generale dell’UNESCO. “Il lavoro dell’IPCC è di vitale importanza qui e l’UNESCO, in quanto ospite dell’IPCC-52, è determinato a attingere alle sue competenze scientifiche e al lavoro e all’esperienza delle sue riserve di biosfera, siti del patrimonio naturale e programmi di istruzione, guidando la trasformazione di cui abbiamo bisogno per le persone e il pianeta.”

Il panel di discussione “Planet in Peril: Transforming the Course of Climate Action” si è concentrato sulla necessità di risposte più ambiziose alla crisi climatica. Negli ultimi anni ci sono stati incendi, uragani e siccità senza precedenti, amplificati dai cambiamenti climatici. Eventi meno estremi non sono coperti dai mass media, ma minacciano comunque intere comunità. Eminenti scienziati, esperti del clima, leader giovanili e rappresentanti delle popolazioni indigene che hanno una conoscenza diretta delle questioni climatiche, si sono concentrati sulle soluzioni a nostra disposizione, sui modi e i mezzi per aumentare l’ambizione per un’azione più efficace sul clima e sul ruolo e contributi di scienza e conoscenza.

L’IPCC-52 continuerà con una sessione a porte chiuse fino al 28 febbraio per esaminare lo schema del Rapporto di sintesi, eleggere un membro dell’Ufficio di presidenza della Task Force sugli inventari nazionali dei gas a effetto serra, avviare la revisione periodica delle procedure IPCC e condurre altre attività.

FONTE: UNESCO.ORG