Questionario per gli under 35 sulla vision del futuro delle Dolomiti UNESCO

Questionario per gli under 35 sulla vision del futuro delle Dolomiti UNESCO

7 Ottobre 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

È online il questionario promosso dalla Fondazione Dolomiti UNESCO, sviluppato nell’ambito del progetto ‘Musei delle Dolomiti’, e che si rivolge a ragazzi e ragazze tra i 18 e i 35 anni per raccogliere le loro visioni di futuro per le Dolomiti e capire che ruolo possono avere i musei nell’affiancare il cambiamento. L’obiettivo è dare voce alle nuove generazioni e comprendere come vivano il patrimonio culturale del proprio territorio e se nutrono speranza nella cultura affinché possa diventare una ragione per continuare a vivere e investire nelle Dolomiti.

Il questionario, disponibile in lingua italiana e tedesca sulla piattaforma DOLOM.IT, è stato sviluppato dall’associazione Intorn al Larin insieme al team del progetto ‘Musei delle Dolomiti’ e ha raccolto, durante l’estate, 30 risposte da un gruppo pilota che ha offerto testimonianze come quella di Umberto e Margherita:

“Per me le Dolomiti sono un rifugio, un posto dove sentirmi al sicuro. Sono identità, appartenenza eriscoperta di valori essenziali”. (Umberto)

“Le Dolomiti oggi sono, per me, una bella scommessa per il futuro: un libro aperto per raccontare agli altri quello che vogliamo inventare oggi” (Margherita)

“L’intensità e la profondità delle risposte ci ha fatto capire che eravamo sulla strada giusta. L’opportunità di conoscere l’opinione non filtrata dei giovani è fondamentale per tutti gli attori preposti alla custodia e alla valorizzazione del nostro Patrimonio – ha affermato la Fondazione Dolomiti UNESCO. “I musei hanno bisogno più che mai dei giovani, non solo per ripensare la propria offerta dopo l’emergenza Covid, ma soprattutto per renderli spazi dove, partendo dal proprio passato, si possa immaginare il futuro”.

“Molti giovani lasciano le valli dolomitiche per cercare il proprio futuro altrove – hanno continuato Stefania Zardini Lacedelli e Giacomo Pompanin, coordinatori del progetto ‘Musei delle Dolomiti’ -: “Il gruppo di lavoro #DolomitesMuseum crede che proprio dalla cultura e dai musei possa venire la spinta per estendere la prospettiva occupazionale di questi territori e frenare il fenomeno di spopolamento che interessa molte vallate dolomitiche”.

Il questionario è ospitato all’interno di Officina di Storie, il nuovo spazio digitale condiviso dei musei delle Dolomiti sulla piattaforma DOLOM.IT. Lanciata lo scorso luglio, Officina di Storie raccoglie già più di 700 risorse digitali, 20 gallerie tematiche e 7 mappe interattive e a partire dal 1° ottobre accoglierà nuovi approfondimenti curati dai 50 operatori e appassionati che animano lo spazio. Videointerviste, articoli di approfondimento e tanti altri contenuti che ogni settimana porteranno alla scoperta di un nuovo museo e del suo legame con il patrimonio Dolomiti UNESCO.

 

Fonte: Fondazione Dolomiti UNESCO