Il mondo non ha bisogno solo di donne leader. Il mondo necessita di leader femministe

7 Marzo 2021 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

di Audrey Azoulay e Katrín Jakobsdóttir – La Giornata internazionale della donna rende omaggio ai successi delle donne in tutto il mondo e ci ricorda cosa resta da fare per la piena uguaglianza di genere. Nel 2021, stiamo valutando i molti modi in cui COVID-19 ha colpito in modo sproporzionato le donne e le ragazze di tutto il mondo. La pandemia ha creato un nuovo panorama. Sebbene le donne abbiano svolto un ruolo chiave nella risposta alla crisi, le disuguaglianze di genere si sono ampliate su tutta la linea. Nell’istruzione, 767 milioni di donne e ragazze sono state colpite dalla chiusura delle scuole. Undici milioni potrebbero non tornare più in classe, unendosi ai 132 milioni già usciti dalla scuola prima che scoppiasse la crisi.

Dal punto di vista economico, la recessione sta spingendo verso la povertà 47 milioni di donne e ragazze in più, distruggendo la loro indipendenza economica e rendendole più vulnerabili alla discriminazione e alla violenza di genere. Mentre guardiamo questo panorama, dobbiamo chiederci: se l’uguaglianza di genere è il nostro obiettivo, di che tipo di leadership il mondo avrà bisogno per andare avanti? Non basta contare il numero di donne nelle più alte posizioni di potere. Nessuna persona al vertice della piramide può riparare il danno arrecato ai progressi compiuti nell’uguaglianza di genere da quando il mondo ha adottato la Dichiarazione di Pechino sui diritti delle donne 25 anni fa.

Ciò di cui abbiamo bisogno sono leader per l’uguaglianza di genere e ne abbiamo bisogno ovunque nelle nostre strutture sociali. Leader di tutte le età, di tutte le identità di genere e di tutti i background. Questi leader non sono solo agenti del cambiamento, ma progettisti del cambiamento. Conducono attraverso il loro esempio e il loro impegno. Espongono ingiustizie e opportunità ineguali. Sanno che le disuguaglianze di genere derivano dalla discriminazione e dall’esclusione e che è solo eliminando queste barriere che può avvenire un vero cambiamento. Questa è la leadership femminista. Le leader femministe affrontano le strutture di potere. Denominano e de-costruiscono tutte le forme di esclusione ed emarginazione. Entrano in empatia con i vulnerabili e senza voce e difendono le loro cause. Aprono nuove porte e corrono rischi, suonando coraggiosamente il fischio dell’ingiustizia nascosta e smascherando le barriere strutturali che perpetuano le disuguaglianze. Sono tutti intorno a noi. Che si tratti dell’attivista che difende una comunità indigena, della studentessa che mobilita la sua generazione per salvare il clima o della poetessa che alza la voce per promuovere la giustizia sociale. Le leader femministe hanno il coraggio di creare, riferire, educare, sperimentare.

Pensa ad Azata Soro, attrice, regista e produttrice che ha rotto il silenzio sulle molestie sessuali e la violenza nell’industria cinematografica africana. Pensa a Maria Ressa, che rischia il carcere per il suo coraggioso giornalismo investigativo. Pensa a Yande Banda, instancabile sostenitrice dell’istruzione femminile in Zambia e oltre. Pensa a Katalin Karikó, che ha superato le numerose sfide affrontate dalle donne nella scienza ed è stata determinante nello sviluppo del vaccino contro il coronavirus Pfizer-BioNTech. Man mano che storie come queste diventano note, sfidano le convinzioni intime delle persone su ciò che è realizzabile e da chi. Queste donne sono, in tutta la loro diversità, leader femministe.

Tuttavia, la leadership femminista non è una prerogativa delle sole donne. L’uguaglianza di genere non è solo una lotta delle donne, è una lotta per la giustizia sociale. Anche gli uomini devono essere coinvolti nella costruzione di una società più giusta. Molti di loro stanno mostrando la strada. Il ginecologo congolese, il dottor Denis Mukwege, ha vinto un premio Nobel per la pace per la sua difesa di impedire che lo stupro venga usato come “strategia di guerra”. E ce ne sono tanti altri come lui, in tutto il mondo.

In questa Giornata internazionale della donna, ci impegniamo a costruire le future generazioni di leader femministe attraverso l’istruzione. Sosteniamo le donne che osano creare e fare il necessario per impedire loro censure e attacchi. Chiediamo alla comunità internazionale di garantire la sicurezza delle giornaliste donne che affrontano le disuguaglianze di genere attraverso i loro resoconti. Siamo anche fianco a fianco con uomini che osano prendersi cura e rifiutare mascolinità e comportamenti tossici e aprono spazi alle donne per influenzare il processo decisionale o partecipare alla scoperta scientifica e all’innovazione. Supportiamo queste leader femministe, di tutti i ceti sociali. Agiamo in modo che le donne possano affermare la loro leadership ed essere potenti modelli di ruolo per le generazioni a venire. Perché l’uguaglianza di genere non serve solo a promuovere la causa delle donne, ma una società più giusta avvantaggia tutti noi.

Audrey Azoulay, Direttore generale dell’UNESCO.

Katrín Jakobsdóttir, Primo Ministro islandese. Il suo governo di coalizione continua l’approccio rivoluzionario dell’Islanda per affrontare la disuguaglianza di genere sistemica

 

 

 

by Audrey Azoulay e Katrín Jakobsdóttir – International Women’s Day pays tribute to the achievements of women worldwide and reminds us what still needs to be done for full gender equality. In 2021, we are taking stock of the many ways in which COVID-19 has disproportionately affected women and girls around the world.

The pandemic has created a new landscape. Although women have played a key role in responding to the crisis, gender inequalities have widened across the board. In education, 767 million women and girls were impacted by school closures. Eleven million may never return to class, joining the 132 million already out of school before the crisis struck. From the economic perspective, the recession is pushing 47 million more women and girls into poverty, destroying their economic independence and making them more vulnerable to gender-based discrimination and violence.

As we look at this landscape, we have to ask ourselves: if gender equality is our goal, what kind of leadership will the world need moving forward?

It is not enough to just count the number of women in the highest positions of power. No single person at the top of the pyramid can repair the damage being done to the progress that has been made in gender equality since the world adopted the Beijing Declaration on women’s rights 25 years ago.

What we need are leaders for gender equality – and we need them everywhere in our societal structures. Leaders of all ages, all gender identities and from all backgrounds. These leaders are not just agents of change, but designers of change. They lead through their example and engagement. They expose injustices and unequal opportunities. They know that gender inequalities stem from discrimination and exclusion and that it is only by lifting these barriers that real change can happen. This is feminist leadership.

Feminist leaders tackle power structures. They name and deconstruct all forms of exclusion and marginalization. They empathize with the vulnerable and voiceless, and champion their causes. They open new doors and take risks, courageously blowing the whistle on hidden injustice, and unmasking structural barriers perpetuating inequalities. They are all around us. Be it the activist defending an indigenous community, the schoolgirl mobilizing her generation to save the climate, or the poet raising her voice to promote social justice.

Feminist leaders have the courage to create, report, educate, experiment. Think about Azata Soro, actress, film director and producer who broke her silence on sexual harassment and violence in the African film industry. Think about Maria Ressa, risking jail for her brave investigative journalism. Think about Yande Banda, a tireless advocate for girls’ education in Zambia and beyond. Think about Katalin Karikó, who overcame the many challenges faced by women in science and was instrumental in developing the Pfizer-BioNTech coronavirus vaccine. As stories like these become known, they challenge people’s intimate convictions of what is achievable and by whom. These women are, in all their diversity, feminist leaders.

However, feminist leadership is not the prerogative of women alone. Gender equality isn’t just a women’s fight, it’s a fight for social justice. Men also need to be involved in the construction of a fairer society. Many of them are showing the way. The Congolese gynecologist, Dr Denis Mukwege, won a Nobel Peace Prize for his advocacy to stop rape from being used as a ‘strategy of war’. And there are many others like him, all over the world.

On this International Women’s Day, we stand committed to building future generations of feminist leaders through education. We support women who dare to create and do what is necessary to prevent them from censorship and attacks. We call on the international community to ensure the safety of women journalists who address gender inequalities through their reporting. We also stand side by side with men who dare to care and reject toxic masculinities and behaviours and open up spaces for women to influence decision-making or participate in scientific discovery and innovation.

Let us support these feminist leaders, from all walks of life. Let us take action so that women can affirm their leadership and be powerful role models for generations to come. Because gender equality not only serves to advance the cause of women – a fairer society benefits us all.

Audrey Azoulay, Director-General of UNESCO.

Katrín Jakobsdóttir, Prime Minister of Iceland. Her coalition government continues Iceland’s groundbreaking approach to addressing systemic gender inequality