Un racconto sugli Scavi di Paestum in fotografia, da 16 ottobre al Museo Archeologico

Un racconto sugli Scavi di Paestum in fotografia, da 16 ottobre al Museo Archeologico

13 Ottobre 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

Sospeso in uno spazio e in un tempo che sembrano eterni, l’artista Marco Divitini esplora il mondo dell’archeologia pestana ed espone ventisette immagini realizzate con la tecnica dell’infrarosso nella mostra “Paestum. Fotografie di Marco Divitini”, a cura di Dora Celeste Amato, che inaugurerà venerdì 16 ottobre 2020, alle ore 10:30, presso il Museo Archeologico Nazionale di Paestum.
La mostra offre ai visitatori l’opportunità di esplorare i monumenti dell’area archeologica andando oltre il visibile e toccando il punto in cui lo spettro dei colori è oramai cessato: l’infrarosso dà luce ai Templi di Paestum in ogni loro emozione attraverso la scenografia senza pari della natura circostante. La maggior parte degli scatti è avvenuta nel giorno del solstizio d’estate: alcune immagini celebrano la solenne magnificenza dei grandi alberi del Santuario meridionale (pini, cipressi, lecci), altre i colonnati dei templi dorici. Alle immagini di Paestum, Divitini ha poi aggiunto quelle di Porta Rosa a Velia.
“È un grande onore per me – ha commentato il maestro Marco Divitini – poter varcare la soglia di Paestum e Velia, siti di unico valore da un punto di vista storico, artistico e architettonico. Ho potuto immortalare gli angoli nascosti e le prospettive più belle, provandone a svelare il lato onirico. Ringrazio pertanto il direttore Gabriel Zuchtriegel, per aver creduto nella mia arte, per averne apprezzato il valore e, dunque, per avermi dato la possibilità di realizzare le mie opere. E un ringraziamento va alla curatrice della mostra, la dottoressa Dora Celeste Amato, per il supporto, l’impegno e la profonda competenza che ha profuso dedicandomi tempo ed energie”.
La mostra “Paestum. Fotografie di Marco Divitini” è racchiusa in un catalogo anch’esso curato dalla giornalista e scrittrice Dora Celeste Amato. Tra le pagine del volume, arricchito di altri scatti dell’artista non esposti in mostra, Divitini racconta la sua arte: guarda, vede, narra un modo passato e interiore di cui ognuno potrà sentirsi partecipe.
“Un faro di luce onirica, le fotografie di Marco Divitini, un Tempo orizzontale che racchiude passato, presente, futuro” –  ha quindi sintetizzato la curatrice Dora Celeste Amato.

 

Fonte: Uff. Comunicazione Parco Archeologico di Paestum e Velia