UNESCO Cities Platform and the resilient cities we need after Covid19

UNESCO Cities Platform and the resilient cities we need after Covid19

22 Luglio 2020 Off Di Direzione Rivista Siti Unesco

The UNESCO Cities Platform online meeting on 25 June 2020 brought together a diverse set of urban stakeholders and actors to discuss how COVID-19 has sparked the rethinking of urban development across its social, cultural, economic and environmental dimensions. As cities were the first to experience the pandemic and have been most impacted by its effects, their global response is setting the tone for how we move forward as a new normal takes root. READ THE UNESCO REPORT >>

The Deputy Director-General of UNESCO, Mr Xing Qu, opened the meeting by emphasizing the great potential of cities in responding to the ongoing pandemic.

The meeting consensus was that the crisis has given the world an opportunity to build a “new normal” — one that is more equitable and sustainable – to create a more resilient and inclusive world. In order to create the city of tomorrow, cities will have to look beyond the brick and mortar model and listen to the needs and demands of their inhabitants.

Understanding and acting on the imbalances and inequalities in cities across the world is essential. Geraldina González de la Vega Hernández, President of the Council to Prevent and Eliminate Discrimination of Mexico City (COPRED), explained that “the pandemic did not provoke the inequality that we are now seeing, it just increased the inequality gaps and social injustice.”

COVID-19, which has placed cities on the frontlines in the response to the crisis, has reminded us of the importance of the local dimension of development issues. Ms. Soo-Jin Kim, Deputy Head of the City Division at OECD, reiterated that “national governments need the support of local governments to be able to achieve the Sustainable Development Goals.”

Part of the “new normal” will also include how we travel. The pandemic has had an unprecedented impact on tourism and culture. Cities understand that “resilience and sustainability in tourism is key”, according to Manuel Butler, Executive Director, World Tourism Organization, and this will define how tourism is reshaped in the future. It was acknowledged that as cities are looking to create the tourism of tomorrow, there can be no return to business as usual. Participants stressed, for example, the importance of developing stronger domestic tourism sectors and investing in local communities and businesses, including creative industries.

The global meeting came to a close with a look towards the “new normal”. Rethinking, rediscovering, and innovating will be catalysts for how we all recover in a post COVID-19 world. “We are going to see improvements in the city, livability conditions will be improved, while leveraging what cities are well known for – agglomeration, inclusion and diversity,” said Sameh Wahba, Global Director, Urban, Disaster, Risk Management, Resilience and Land Global Practice, World Bank.

Ernesto Ottone R., Assistant Director-General for Culture of UNESCO, concluded the meeting by highlighting the importance of cities in the development context and stated, “Going back to the ‘normal life’ before COVID-19 should not be an option. We should seize this moment and focus on the new possibilities triggered by the crisis towards transforming cities into resilient, socially inclusive and green communities.”

VIDEOS AND MORE>>

 

La riunione online della Piattaforma delle città dell’UNESCO del 25 giugno 2020 ha riunito un consistente numero di stakeholders e attori urbani per discutere di come COVID-19 abbia scatenato il ripensamento dello sviluppo urbano attraverso le sue dimensioni sociale, culturale, economica e ambientale. Dato che le città sono state le prime a sperimentare la pandemia e sono state maggiormente colpite dai suoi effetti, la loro risposta globale sta dando il tono a come avanzare mentre una nuova normalità mette radici. LEGGI IL REPORT COMPLETO >>

Il vicedirettore generale dell’UNESCO, sig. Xing Qu, ha aperto l’incontro sottolineando il grande potenziale delle città nel rispondere alla pandemia in corso.

Il consenso dell’incontro è stato che la crisi ha dato al mondo l’opportunità di costruire una “nuova normalità” – una più equa e sostenibile – per creare un mondo più resiliente e inclusivo. Per creare la città di domani, le città dovranno guardare oltre il modello di mattoni e malta e ascoltare i bisogni e le esigenze dei loro abitanti.

È essenziale comprendere e agire sugli squilibri e le disuguaglianze nelle città di tutto il mondo. Geraldina González de la Vega Hernández, presidente del Consiglio per la prevenzione e l’eliminazione della discriminazione di Città del Messico (COPRED), ha spiegato che “la pandemia non ha provocato la disuguaglianza che stiamo vedendo ora, ha solo aumentato le lacune di disuguaglianza e l’ingiustizia sociale”.

COVID-19, che ha posto le città in prima linea nella risposta alla crisi, ci ha ricordato l’importanza della dimensione locale dei problemi di sviluppo. La signora Soo-Jin Kim, vicedirettore della Divisione della città dell’OCSE, ha ribadito che “i governi nazionali hanno bisogno del sostegno dei governi locali per poter raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Parte della “nuova normalità” includerà anche il modo in cui viaggiamo. La pandemia ha avuto un impatto senza precedenti sul turismo e sulla cultura. Le città comprendono che “la resilienza e la sostenibilità nel turismo sono fondamentali”, secondo Manuel Butler, direttore esecutivo dell’Organizzazione mondiale del turismo, e questo definirà come il turismo verrà rimodellato in futuro. È stato riconosciuto che, poiché le città stanno cercando di creare il turismo di domani, non si può tornare al lavoro come al solito. I partecipanti hanno sottolineato, ad esempio, l’importanza di sviluppare settori turistici interni più forti e di investire nelle comunità e nelle imprese locali, comprese le industrie creative.

L’incontro globale si è concluso con uno sguardo alla “nuova normalità”. Ripensare, riscoprire e innovare saranno i catalizzatori di come tutti noi recuperiamo in un mondo post COVID-19. “Vedremo miglioramenti in città, le condizioni di vivibilità saranno migliorate, sfruttando al contempo ciò che le città sono ben note – agglomerazione, inclusione e diversità”, ha affermato Sameh Wahba, direttore globale, Urban, Disaster, Risk Management, Resilience and Land Pratica globale, Banca mondiale.

Ernesto Ottone R., vicedirettore generale della Cultura dell’UNESCO, ha concluso l’incontro sottolineando l’importanza delle città nel contesto di sviluppo e ha dichiarato: “Tornare alla” vita normale “prima di COVID-19 non dovrebbe essere un’opzione. Dobbiamo cogliere questo momento e concentrarci sulle nuove possibilità innescate dalla crisi verso la trasformazione delle città in comunità resilienti, socialmente inclusive e verdi “.

GUARDA I VIDEO E CONSULTA IL MATERIALE >>